×

Falsi Green pass, violati i sistemi sanitari di diverse regioni: perquisizioni in tutta Italia

Diverse persone hanno scaricato green pass falsi vilando i sistemi sanitari regionali di diversi territori tra cui Lombardia, Lazio e Campania.

Green pass falsi a nome di Hitler

Le indagini condotte dalla magistratura hanno portato a scoprire centinaia di falsi green pass scaricati da persone che non avevano mai ricevuto alcun vaccino né eseguito alcun tampone aggirando e violando i sistemi sanitari di diverse regioni quali Campania, Lazio, Puglia, Lombardia, Calabria e Veneto.

Le false certificazioni sarebbero state ottenute sfruttando i canali di accesso messi a disposizione delle farmacie per inserire i codici dei tamponi e dei vaccini effettuati per la generazione del QR code.

Falsi green pass: violati i sistemi sanitari regionali

La Polizia Postale, su ordine della Procura di Napoli, ha eseguito 40 perquisizioni locali e 67 sequestri preventivi. Le credenziali di accesso ai sistemi sarebbero state ottenute ricorrendo a sofisticate tecniche di phishing attraverso email che simulavano quelle istituzionali del sistema sanitario.

I titolari sarebbero stati dunque indotti a collegarsi ad un sito web, anch’esso falso, perfettamente identico a quello del sistema sanitario.

In altri casi, i certificati falsi venivano prodotti ricorrendo a servizi di chiamata VoIP internazionali, in grado di camuffare il vero numero di telefono del chiamante e simulare quello del sistema sanitario regionale.

Falsi green pass, violati i sistemi sanitari regionali: le perquisizioni

Le perquisizioni hanno riguardato le 15 persone, già sottoposte ad indagini in qualità di ipotetici appartenenti all’associazione criminale che ha permesso gli accessi abusivi ai sistemi informatici e le conseguenti falsificazioni, ma anche di 67 loro clienti.

I falsi green pass individuati sono già stati disabilitati in modo che i titolari, sinora localizzati nelle province di Napoli, Avellino, Benevento, Caserta, Salerno, Bolzano, Como, Grosseto, Messina, Milano, Monza-Brianza, Reggio Calabria, Roma e Trento, non possano più utilizzarli.

Contents.media
Ultima ora