×

Funivia Stresa-Mottarone: Roberta Pistolato morta il giorno del suo compleanno col marito

Roberta Pistolato è morta insieme al marito nell'incidente della funivia di Stresa-Mottarone: era il giorno del suo compleanno.

Funivia Roberta Pistolato morta

E’ Roberta Pistolato una delle quattordici persone che hanno perso la vita nella tragedia della funivia di Stresa-Mottarone: la donna aveva deciso di festeggiare il suo compleanno in uno dei luoghi più suggestivi in Italia insieme al marito ma l’incidente ha fatto morire entrambi sul colpo.

Funivia, Roberta Pistolato morta il giorno del compleanno

Stiamo salendo in funivia“: questo l’ultimo messaggio che aveva scritto alla sorella domenica 23 maggio intorno alle 11. Insieme al marito Angelo Vito Gasparro era infatti salita su quella funivia che di lì a poco sarebbe precipitata. Insieme avevano optato per festeggiare il suo quarantesimo compleanno a Stresa: avrebbe dovuto essere una giornata di festa, la prima di libertà dopo un periodo di restizioni e rinunce.

E invece entrambi hanno perso la vita sul colpo per una fatale e inimmaginabile tragedia insieme ad altre dodici persone che come loro avevano deciso di trascorrere una domenica diversa. Un disastro su cui la Procura della Repubblica di Verbania ha già aperto un fascicolo di inchiesta per omicidio plurimo e lesioni colpose.

Funivia, Roberta Pistolato morta: chi era

Originaria di Bari ma da tempo trasferita a Piacenza come il marito, Roberta aveva prestato giuramento il 14 settembre 2020, nella giornata dell’Ordine dei Medici, e lavorava come guardia medica.

Dopo l’arrivo del Covid aveva però voluto essere anche lei in prima linea come tanti suoi colleghi e di recente si era impegnata nelle vaccinazioni, sia negli hub sul territorio che a domicilio perle persone impossibilitate a muoversi di casa.

Una tragedia l’aveva già scossa qualche mese prima, quando il Covid le aveva portato via una delle sue due sorelle. Il marito, Angelo Vito Gasparro aveva invece 45 anni e svolgeva la professione di guardia giurata.

Funivia, Roberta Pistolato morta: l’incidente

L’incidente è avvenuto nella tarda mattinata di domenica 23 maggio. Un cavo della funivia ha ceduto nel punto più alto del tragitto e la cabina ha cominciato di colpo a retrocedere, ha sbattuto contro un pilone ed è poi precipitata nel bosco.

I soccorritori l’hanno trovata accartocciata contro due tronchi di abete in uno dei punti più impervi del percorso che dal versante piemontese del lago Maggiore collega Stresa al monte Mottarone. Il disastro ha provocato la morte di 14 persone. Due bambini di 9 e 5 anni, gli unici sopravvissuti all’impatto, sono stati trasporti in codice rosso all’ospedale Regina Margherita di Torino.

Contents.media
Ultima ora