> > Giovane segregata in casa e costretta a fare da serva: arrestata intera famiglia

Giovane segregata in casa e costretta a fare da serva: arrestata intera famiglia

In Calabria terribile vicenda di segregazione e violenza

Giovane segregata in casa e costretta a fare da serva: arrestata intera famiglia, il padre e la madre 57enni e le due sorelle di 28 e 20 anni

Arriva dalla Calabria la terribile vicenda di una giovane segregata in casa e costretta a fare da serva: arrestata intera famiglia.

Una 30enne affetta da un lieve deficit cognitivo era diventata l’oggetto di violenze e soprusi e per anni era stata vittima di ogni tipo di maltrattamento. A far emergere i particolari le indagini dei carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro. Proprio i militari hanno arrestato l’intero nucleo famigliare della donna: il padre e la madre 57enni e le due sorelle di 28 e 20 anni

Segregata in casa, arrestata la famiglia

Sono tutti sospettati fortemente di aver messo in atto maltrattamenti nei confronti della trentenne. A carico della vittima insulti, percosse e minacce nella casa a San Ferdinando, piccolo comune nella città metropolitana di Reggio Calabria. I carabinieri avevano indagato fin dal giugno 2022 dopo una segnalazione arrivata a un comando stazione della piana Gioia Tauro. La 30enne era “tenuta lontana dagli altri componenti della famiglia, costretta a vivere in una stanza adibita a magazzino, senza pavimento e in gran parte umida”, secondo quanto riporta Fanpage. 

Spazzatura a terra e lucchetto alla porta

Ma c’è di più: nella stanza della vittima c’erano spazzatura ed attrezzi di lavoro. La donna non poteva uscire e la porta aveva un lucchetto. E il verbale cita anche sveglie notturne improvvise per le pulizie domestiche, minacce di morte ed insulti. Su richiesta della Procura della Repubblica di Palmi ed avallo procedurale del Gip nei confronti dei quattro indagati sono stati emessi altrettanti provvedimenti di custodia cautelare in carcere.