×
L’opinione di Alessandro Plateroti

Il “tetto” al petrolio non salva l’Ucraina

Europa e Stati Uniti faranno la cosa giusta? Come diceva Churcill, solo dopo aver provato tutto il resto.

pexels pixabay 162568 768x593

Tra armi all’Ucraina e sanzioni commerciali alla Russia, il conto della manovra anti-Putin cresce velocemente: 140 miliardi di dollari in quattro mesi a carico degli Stati Uniti, quasi 50 miliardi di euro a carico dell’Unione Europea e dell’Inghilterra. La difesa della democrazia non ha prezzo, ma la dinamica del conflitto sembra richiedere risorse infinite: basti pensare che il costo delle Operazioni Desert Shield e Desert Storm per liberare il Quwait dopo l’invasione irakena, non superò i 110 miliardi di dollari nel complesso.

Dopo quattro mesi di scontro politico, commerciale e militare, insomma, il costo dell’operazione anti-Russia sembra destinato solo a crescere. Ma non è questo il problema più urgente per Europa e Stati Uniti: la priorità degli alleati è tagliare le risorse con cui Putin finanzia la guerra contro Kiev, cioè le esportazioni di gas petrolio, senza mandare le rispettive economie in una devastante recessione. L’idea più concreta, avanzata al vertice del G-7 di questa settimana, è un tetto massimo del prezzo del petrolio.

Funzionerà così come la maggior parte delle mosse di controllo dei prezzi. Vale a dire che, probabilmente, non funzionerà.

Nonostante gli sforzi occidentali, i proventi delle esportazioni di petrolio del Cremlino sono aumentati dall’invasione dell’Ucraina. Gli Stati Uniti hanno vietato le importazioni di petrolio russo e l’Unione Europea ha recentemente deciso di eliminarle gradualmente quest’anno con eccezioni per le consegne di gasdotti in Ungheria, Slovacchia e Repubblica Ceca.

Il problema è che Cina e India sono state ben felici di acquistare il greggio russo con uno sconto di 30-40 dollari al barile. Le sanzioni europee che entreranno in vigore a dicembre vieteranno anche l’assicurazione marittima, che potrebbe avere un impatto maggiore. Ma prima che a queste sanzioni venga data la possibilità di funzionare, i leader del G-7 ora stanno cercando di eroderle.

L’idea del G7 di imporre un tetto massimo al prezzo del petrolio sarebbe infatti accompagnata da esenzioni dalle sanzioni assicurative per la spedizione di greggio, per gli acquirenti che acquistano greggio al di sotto di un prezzo specificato.

L’idea è quella di creare un cartello di acquirenti che costringa la Russia ad accettare un prezzo apoena superiore ai suoi costi di produzione, che possono aggirarsi sui 10 dollari al barile.

La Cina e l’India non avrebbero quindi alcun incentivo a boicottare le sanzioni. Un limite di prezzo potrebbe anche mantenere il flusso del petrolio russo sui mercati globali, così gli Stati Uniti e l’Europa risentirebbero meno dell’impatto economico. Non solo. In questo modo, si Eviterebbe anche il rischio che le sanzioni possano costringere i produttori russi a chiudere i pozzi, cosa che potrebbe sopprimere l’offerta a lungo termine.

Almeno questa è l’idea. Il segretario al Tesoro Janet Yellen ha duramente flagellato il piano come alternativa ai divieti di importazione e assicurazione degli europei. L’amministrazione Biden teme che le sanzioni europee, dato il tempo di lavoro, potrebbero danneggiare l’industria petrolifera russa e far persistere prezzi elevati del petrolio anche dopo la fine della guerra in Ucraina.

Qual è dunque il problema? Il primo problema con un limite di prezzo è che richiederebbe la collaborazione di Vladimir Putin. Potrebbe rifiutarsi di vendere greggio al prezzo richiesto da Stati Uniti ed Europa. I produttori russi non sarebbero necessariamente costretti a limitare la produzione poiché Putin potrebbe trovare clienti come Cina e India disposti a prendere il petrolio russo a un prezzo che consente comunque al Cremlino di trarne profitto.

Quindi il piano richiederebbe anche la cooperazione di Cina, India e altri paesi a cui non importa se la Russia vincerà in Ucraina. C’è anche la possibilità che Putin possa vendicarsi riducendo le esportazioni, il che potrebbe far salire alle stelle i prezzi globali. Un auto-embargo danneggerebbe l’industria petrolifera russa, ma Putin non è al di sopra di un gioco di pollo con l’Occidente.
Un limite di prezzo richiederebbe anche una revisione delle sanzioni energetiche europee, fornendo al primo ministro ungherese Viktor Orban un’altra opportunità per indebolirle.

Il modo migliore per ridurre la leva del petrolio e del gas di Putin è aumentare l’offerta occidentale, cosa che i leader del G-7 sembrano incapaci di fare. Il primo ministro britannico Boris Johnson ha schiaffeggiato le compagnie energetiche con una tassa sugli utili inaspettati, che scoraggerà gli investimenti e la produzione nel Mare del Nord.

L’amministrazione Biden continua a imporre più regolamenti per limitare la produzione di petrolio e gas negli Stati Uniti, minacciando le aziende se non agiscono per ridurre i prezzi della benzina. Almeno i leader del G-7 questa settimana hanno deciso di rivedere il loro precedente impegno di interrompere il finanziamento dei combustibili fossili all’estero, il che è fondamentale per l’Europa per svezzarsi dal gas russo. Eppure la Casa Bianca si è opposta a questo quando è stato lanciato. La verità più grande è che le sanzioni non fermeranno i piani di guerra di Putin, almeno non per adesso.

Le guerre si vincono con la forza militare. Il modo per affrettare la fine della guerra è scegliere tra le alternative spesso contrapposte che ha messo finora sul tavolo: continuare con le sanzioni-boomerang, oppure fornire all’Ucraina tutte le armi di cui ha bisogno, il più rapidamente possibile.

Europa e Stati Uniti faranno la cosa giusta? Come diceva Churcill, solo dopo aver provato tutto il resto.

Contents.media
Ultima ora