×

India, accusato di tentato stupro condannato a fare il bucato alle donne del villaggio per 6 mesi

India, insolita ordinanza del Tribunale: accusato di stupro, ottiene la libertà ma è condannato a fare il bucato alle donne del villaggio per 6 mesi.

India, accusato di stupro, condannato a fare il bucato

India: accusato di tentato stupro, il Tribunale gli concede la libertà provvisoria a condizione che faccia il bucato gratis a tutte le donne del suo villaggio per sei mesi.

India, accusato di tentato stupro condannato a fare il bucato alle donne del villaggio

Accusato di tentato stupro, ottiene la libertà provvisoria. Come? Facendo il bucato gratis a tutte le donne del suo villaggio per sei mesi. La singolare pena arriva dallo stato indiano del Bihar. Tale pena è stata stabilita da un provvedimento del tribunale del distretto di Madhubani a seguito di una richiesta di scarcerazione da parte dell’avvocato del detenuto.

Si tratta del 20enne Lalan Kumar, arrestato nell’aprile scorso a seguito della denuncia di una giovane del suo villaggio e accusato di molestie e tentata violenza sessuale.

India, accusato di tentato stupro condannato a fare il bucato alle donne del villaggio: “si è dichiarato pentito”

Dopo cinque mesi in cella, attraverso il suo legale, il giovane ha richiesto un provvedimento di custodia cautelare alternativo al carcere e ha ottenuto così la scarcerazione a condizione che lavasse e stirasse i vestiti di tutte le donne del villaggio gratuitamente per sei mesi.

L’imputato stesso aveva affermato di essere disposto ad effettuare servizi sociali e per la comunità relativi alla sua professione di lavandaio per mostrare il suo rispetto per le donne.

“Non sappiamo quando si terrà il processo, la data non è ancora stata fissata. Abbiamo ottenuto la libertà per la sua buona condotta in carcere e perché si è dichiarato pentito”, ha spiegato l’avvocato difensore Parshuram Mishra.

India, accusato di tentato stupro condannato a fare il bucato alle donne del villaggio: “una scelta inaspettata”

“Una scelta storica, del tutto inaspettata. Questa decisione aumenterà il rispetto per noi donne e ci aiuterà nella lotta per proteggere la nostra dignità”, ha dichiarato ai media locali Nasima Khatoon, a capo del consiglio del villaggio, responsabile di vigilare che Kumar rispetti le prescrizioni.

Contents.media
Ultima ora