×

Influenza, l’allarme degli esperti nel Regno Unito: “Potrebbe provocare 60mila morti”

Gli esperti del Regno Unito hanno lanciato l'allarme. Il ritorno dell'influenza potrebbe provocare più di 60mila morti.

Influenza

Gli esperti del Regno Unito hanno lanciato l’allarme. Il ritorno dell’influenza potrebbe provocare più di 60mila morti. Le conseguenze potrebbero essere davvero molto gravi. 

Influenza, l’allarme degli esperti nel Regno Unito: le conseguenze potrebbero essere gravi

Durante questo inverno è previsto un ritorno dell’influenza.

Secondo gli esperti, le conseguenze potrebbero essere molto più gravi del previsto. Nel Regno Unito si pensa che il virus influenzale potrebbe arrivare a causare la morte di oltre 60mila persone. Proprio per questo motivo è iniziata una forte campagna per la prevenzione, con la richiesta di vaccinazione. 

Influenza, l’allarme degli esperti nel Regno Unito: “Preoccupazione per la salute pubblica”

Nei prossimi mesi i casi di Coronavirus, di influenza e di altre infezioni respiratorie potrebbero aumentare, come affermato dagli esperti.

Questo potrebbe portare ad un aumento dei ricoveri, con la conseguenza di una forte pressione sui servizi sanitari in Inghilterra. Il professor Jonathan Van-Tam, vicedirettore medico, ha spiegato che la mancanza dell’influenza lo scorso anno ha reso la minaccia per questo inverno una “significativa preoccupazione per la salute pubblica“. 

Influenza, l’allarme degli esperti nel Regno Unito: estendere il vaccino antinfluenzale

Secondo i modelli dell’Academy of Medical Sciences, la mancanza di immunità della popolazione a causa delle restrizioni dovute al Covid, potrebbe portare ad una cifra di decessi tra 15.000 e 60.000 per influenza.

Il servizio sanitario mira ad estendere il vaccino contro l’influenza all’85% delle persone di età pari o superiore a 65 anni. La speranza è di raggiungere il 75% delle persone con problemi di salute, il 75% delle donne incinte, il 70% dei bambini idonei e l’85% di operatori sanitari. 

Contents.media
Ultima ora