×

Isee falsi e controlli dell’Agenzia dell’Entrate: ecco cosa si rischia

Con l'aumento degli Isee falsi l'Agenzia delle entrate ha aumentato i controlli e inasprito le sanzioni. ecco cosa si rischia

agenzia entrate isee falsi

Secondo alcune statistische, il 70% degli Isee presentati dagli italiani avrebbero qualche anomalia, e per questo motivo l’Agenzia delle Entrate da anni avrebbe aumentato i controlli, attribuendo in certi casi pesanti sanzioni. Vediamo insieme cosa si rischia.

Agenzia delle Entrate, aumentati i controlli per Isee falsi o anomali

Per molto tempo il calcolo dell’Isee è stato oggetto di errori, abusi e falsi: per questo motivo ora l’Agenzia delle Entrate ha deciso di aumentare i controlli, infiliggendo pesanti sanzioni in certi casi.

Secondo le ultime statistiche in materia fiscale, infatti negli ultimi anni il 70% degli Isee presentati dagli italiani risultavano incompleti o nella maggior parte dei casi anomali, e quindi possibili soggetti di sanzioni.

L’autocertificazione precompilata ha ridotto il problema negli ultimi anni, ma non l’ha eliminato, ma ora tanti si chiedono cosa si rischia nel caso il proprio Isee fosse falso o presenti anomalie?

Cerchiamo di scoprirlo insieme.

L’iter dei controlli

Innanzittutto partiamo dalla base. L’Isee sta per Indicatore della situazione economica equivalente ed è una certificazione che valuta la situazione conomica delle famiglie, permettendo ai singoli elementi del nucleo di accedere a prestazioni agevolate dal punto di vista economico.

Questo spiega l’alto numero di Isee falsi, ma in questo caso chi effettua i controlli? L’Agenzia delle Entrate tramite la Guardia di Finanza effettua controlli tramite software che si collegano alle banche dati della Pubblica amministrazione, e in caso di illeciti, verrà informata l’Inps.

Cosa si rischia?

Nel caso l’Inps si accorga del falso Isee, per il responsabile scatteranno diverse sanzioni, come:

-una denuncia per il reato di truffa ai danni dell’Inps. Da ciò deriverà un processo penale con conseguente applicazione della reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da 51 euro a 1.032 euro;

interruzione dell’erogazione dei sussidi basati sull’Isee falso;

Richiesta di restituzione della somma percepita negli anni antecedenti al controllo

Entro quanto si è perseguibili?

I controlli Isee possono intervenire entro 5 anni a partire dal 31 dicembre dell’anno in cui è stata presentata la Dsu (Dichiarazione sostitutiva unica).

Tuttavia il termine per la denuncia penale per reato di truffa all’Inps si allunga a 7 anni, ma anche in quetso caso la durata puà aumentare in caso di rinvii a giudizio.

Contents.media
Ultima ora