Russia, rissa tra le invitate per il bouquet della sposa
Russia, rissa tra le invitate per il bouquet della sposa
Lifestyle

Russia, rissa tra le invitate per il bouquet della sposa

Dovevano tenerci veramente molto a sposarsi. Talmente tanto da ingaggiare una rissa al matrimonio di amici per accaparrarsi il prezioso mazzo di fiori

Probabilmente la rissa tra gli invitati al proprio matrimonio non era nel programma della giornata. Ma a giudicare dalla reazione degli sposi, l’avvenimento non sembrerebbe aver rovinato proprio niente. Anzi, dalle risate dei due, sarà più che altro una storia da raccontare ai figli. Certamente non una scena completamente originale, ma a differenza di molte altre, questa è stata filmata da qualcuno tra i presenti in un video successivamente messo in condivisione via Web, diventato virale nel giro di poco.

Lo scontro per il bouquet

Durante la cerimonia nuziale di una coppia di giovani sposi russi, infatti, è accaduto che due delle invitate – evidentemente fortemente motivate a sposarsi entro l’anno – al momento del lancio del bouquet della sposa siano entrate letteralmente in rotta di collisione. Decise a mettere le mani sul mazzo di fiori, nessuna delle due si tira indietro. Arrivando a mettere le mani quasi in contemporanea sull’oggetto della singolare contesa.

Scontro finito senza stretta di mano

A questo punto sarebbe stato legittimo pensare che una delle due, quantomeno per evitare clamorose figuracce, mollasse la presa.

Ma forse perchè un po’ alticce per i brindisi, o forse perchè incitate da chi era intorno a loro, le due ragazze ingaggiano qualche secondo di lotta, strette in una sorta di abbraccio che non sembra però molto affettuoso.

Un piccolo combattimento, conclusosi solamente dopo che una delle due, con un colpo di mano, è riuscita ad assicurarsi ciò che rimaneva del prezioso mazzo. Una vicenda che non scompone la sposa, che dopo essersi fatta qualche risata torna a sedersi al fianco del marito, anche lui visibilmente divertito dalla litigata andata in scena.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche