> > Ma allora cosa sta succedendo con Twitter e cosa sta facendo Elon Musk?

Ma allora cosa sta succedendo con Twitter e cosa sta facendo Elon Musk?

Elon Musk

Una società pagata 44 miliardi e che secondo qualcuno ora ne varrebbe solo 10: cosa sta succedendo con Twitter e cosa c'è dietro licenziamenti e "fughe"

Ma allora cosa sta succedendo con Twitter e cosa sta facendo Elon Musk? Si tratta di una situazione complessa che sta a metà fra debiti e sfide nel nuovo proprietario del social.

Ed è una situazione che necessità di un recap. Partiamo dal primo step: Elon Musk non esclude la bancarotta della società ed aveva detto ai dipendenti: “Senza significativi ricavi da abbonamento, c’è una buona possibilità che Twitter non sopravviva al rallentamento economico”. 

“Cosa sta succedendo con Twitter”, la bancarotta

“Abbiamo bisogno di almeno la metà dei nostri ricavi da abbonamenti”. Insomma, l’uccellino ha guai economici grossi e i manager che Musk non ha già licenziato hanno fiutato l’aria: quelli della sicurezza e della privacy hanno già “preso il volo”.

Musk ha rilevato Twitter lo scorso 28 ottobre ed ha sborsato 44 miliardi di dollari. E quanto varrebbe oggi Twitter? Secondo alcune valutazioni meno di 10. Per ovviare a questo Musk aveva licenziato tutta la prima linea del management e poi la metà dei 7.500 dipendenti

I licenziamenti e il ripensamento

Tuttavia dopo 48 ore ne aveva richiamata la metà  ma revocato lo smart working. E la soluzione? Musk aveva ventilato il pagamento della spunta blu ma gli è arrivato il “cartellino giallo” dell’agenzia statunitense per la concorrenza e la tutela dei consumatori (la Federal Trade Commission).

Il dato è che la spunta blu e il caos dei profili fake più il sospetto venir meno dei meccanismi di controllo della privacy e delle regole su raccolta dati e pubblicità hanno messo l’uscita di Musk dai guai finanziari quasi fuori legge. L’autorità Usa ha detto: “Stiamo seguendo i recenti sviluppi di Twitter con grande preoccupazione”. 

Il caso spunta blu e il vicolo cieco

“Nessun ceo o azienda è al di sopra della legge”.

Perciò, come spiega il Washington Post, Musk ha messo in stand by la novità: la spunta blu è disponibile in abbonamento a 7,99 dollari al mese. Venerdì i dipendenti di Twitter hanno ricevuto una mail: tutto congelato, la spunta blu per ora viene parcheggiata, troppi falsi Joe Biden, LeBron James, Elon Musk e George W. Bush. Il sunto? Twitter resta in odor di bancarotta e la prima uscita del suo “capo” per uscire dalla palude non è stata felicissima.