×

Maltempo, Giuliacci: “Freddo nella notte e valori tipici della seconda metà di novembre”

Nella sua ultima analisi Mario Giuliacci ha analizzato le temperature che ci dovremo attendere nel prossimo periodo. Temperature in rapido calo.

Maltempo Giuliacci

Raffiche di vento, freddo e temperature in significativo calo nella notte. Sono questi alcuni dei temi affrontati da Mario Giuliacci nella sua consueta analisi pubblicata sul suo sito personale. In particolare l’esperto ha sottolineato che ci dovremo attendere nel prossimo periodo temperature tipiche del periodo tardo autunnale.

Il maltempo inoltre peggiorerà progressivamente per poi cambiare in modo netto tra il prossimo fine settimana e l’inizio della settimana successiva. 

Maltempo, le previsioni di Giuliacci 

L’esperto – si legge – ha spiegato nello specifico in che modo la situazione meteorologica nel nostro Paese si sta evolvendo: “Delle infiltrazioni provenienti dai Balcani hanno determinato delle formazioni nuvolose provocando precipitazioni tra il debole e il moderato ed un rinforzo della ventilazione principalmente lungo l’asse costiero”.

Ha poi aggiunto: “Ora la perturbazione a carattere freddo sta sfilando verso Sud lasciandoci in compagnia di fenomeni residui ed una progressiva attenuazione della nuvolosità”.

“Netto peggioramento domenica 25 e lunedì 26 settembre”

Infine nel fine settimana e nella giornata di lunedì 26 settembre il meteo potrebbe peggiorare in modo drastico. Attese inoltre perturbazioni “anche a carattere temporalesco”. 

Non ultimo va prestata particolare attenzione ai valori notturni che sono calati di “4-5 gradi rispetto ai giorni precedenti.

Anzi dalle osservazioni meteo odierne risulta che su un campione di 120 località ben 30 località 30 località di pianura abbiano avuto questa la passata notte temperature minime tra 6 e 11 gradi, ovvero 5-8 gradi sotto la media del periodo”. Si tratta di indici “che sono più tipici della seconda metà di novembre piuttosto che di fine settembre”, ha concluso. 

Contents.media
Ultima ora