×

Massa Carrara, violento nubifragio con forti raffiche di vento: alberi caduti e danni ai palazzi

In provincia di Massa Carrara, l’ondata di maltempo che si è abbattuta in Italia si è tradotto in un violento downburst che ha generato numerosi danni.

Massa Carrara

L’ondata di maltempo che si è abbattuta nel Nord Italia si è contraddistinta per delle violente raffiche di vento che hanno generato danni ingenti nella provincia di Massa Carrara.

Massa Carrara, violento nubifragio con forti raffiche di vento: registrato downburst

Nella giornata di domenica 26 settembre, il maltempo che ha caratterizzato le Regioni dell’Italia settentrionale nel weekend ha dato vita a fenomeni devastanti come il violento nubifragio accompagnato da forti raffiche di vento registrato in provincia di Massa Carrara, in Toscana.

Intorno alle ore 16:30 di domenica 26, un vento impetuoso e distruttivo ha accompagnato le precipitazioni che si sono abbattute sull’intera provincia toscana, generando danni importanti.

L’evento meteorologico rilevato a Massa Carrara è noto come “downburst”: con questo termine, infatti, si intente “un fenomeno metereologico consistente in forti raffiche di vendo discensionali con moto orizzontale”. In presenza del downburst, la velocità delle folate di vento può raggiungere parametri estremamente elevati che si avvicinano o addirittura superano i 100 km/h.

Massa Carrara, violento nubifragio con forti raffiche di vento: alberi caduti e danni ai palazzi

Il downburst che ha travolto la provincia di Massa Carrara nel pomeriggio di domenica 26 ha provocato danni ingenti in numerosi luoghi che rientrano nei suoi confini geografici. Alcuni alberi, infatti, sono stati brutalmente sradicati dal terreno dalle insistenti folate di vento. Inoltre, sono stati segnalati anche molteplici danni a palazzi e ad altre strutture come punti vendita o esercizi commerciali.

Sono state osservate, ad esempio, coperture staccate, insegne di negozi spazzate via dalle raffiche di vento o, ancora, avvolgibili trascinati via.

Secondo quanto riferito dai vigili del fuoco, prontamente intervenuti nelle aeree più colpite dal nubifragio, a Romagnano, sono stati segnalati almeno due alberi sradicati e franati sull’Aurelia. Un pino, poi, è caduto all’interno del Parco dei Ciliegi, invadendo anche la strada.

Gli alberi hanno provocato numerosi disagi alla circolazione, bloccata in molte aree della provincia.

Svariati problemi sono stati individuati anche nei sottopassi, totalmente allagati, come si evince anche dallo stato in cui versa il sottopasso in prossimità dello stadio di Massa, completamente inondato.

In alcuni luoghi, infine, sono stati rilevati anche problemi per quanto riguarda l’energia elettrica.

Massa Carrara, violento nubifragio con forti raffiche di vento: forze dell’ordine

In tutta la provincia di Massa Carrara, con particolare attenzione verso le zone maggiormente gravate dal maltempo, sono intervenuti non solo i vigili del fuoco ma anche gli agenti della polizia municipale, i carabinieri e i volontari della Protezione Civile.

Le forze dell’ordine si sono adoperate per prestare soccorso alla popolazione e ai cittadini che hanno subito danni.

Massa Carrara, violento nubifragio con forti raffiche di vento: la situazione in Toscana

Il maltempo non ha travolto soltanto la provincia di Massa Carrara ma ha invaso l’intera Toscana, Regione per la quale era stata diramata un’allerta gialla nella giornata di domenica 26 settembre.

In Toscana, infatti, dei devastanti temporali si sono abbattuti anche a Viareggio, in provincia di Lucca, imponendo la sospensione della sfilata di carri allegorici che caratterizza il famoso Carnevale.

Violente e improvvise grandinate con chicchi di importanti dimensioni, invece, hanno riguardato località come Borgo San Lorenzo e Bivignano, in provincia di Firenze. La grandine ha invaso il suolo, creando una coltre bianca. La grandezza dei chicchi di ghiaccio, poi, ha danneggiato alcune auto e alcuni tetti.

A Firenze, ancora, la Protezione Civile ha invitato i cittadini alla massima cautela qualora si trovassero all’aperto o alla guida a causa dei detriti trasportati dal vento e dal temporale.

Contents.media
Ultima ora