> > Massimo Cacciari sulla Meloni: "Per mandarla a casa ce ne vuole"

Massimo Cacciari sulla Meloni: "Per mandarla a casa ce ne vuole"

Massimo Cacciari

"Dall'altra parte non c'era alcuna coalizione, il Pd era solo. Quindi il centrodestra non ha stravinto": le parole di Massimo Cacciari sulla Meloni

Ad Otto e mezzo il giudizio di Massimo Cacciari su Giorgia Meloni è realista: “Per mandarla a casa ce ne vuole”.

Ospite in collegamento con lo studio di Lilli  Gruber il filosofo spiega che la papabile premier avrà problemi ma ha vinto secondo regole e ci sono i presupposti di una sua lunga permanenza, lunga ma sofferta. Ha detto Cacciari: “Giorgia Meloni continua a lavorare in silenzio alla squadra di governo”

Le parole di Massimo Cacciari sulla Meloni

La domanda: “Lei ha detto che la Meloni ha delle carte quali sono e quali no?”.

Poi il filosofo ha spiegato quale sia a suo avviso l’elemento a favore della leader di FdI: “La carta a suo favore è che ha vinto le elezioni, e anche in maniera netta. Poi è una donna, una novità di rilievo”. La chiosa è stata netta come solo Cacciari da fare: “Insomma, prima di mandarla a casa ce ne vuole“. 

“A Salvini non potrà dare posti di rilievo”

L’ex sindaco di Venezia non ha tuttavia affatto trascurato le difficoltà che incontrerà Meloni: “Per esempio a Salvini non può dare alcun posto di rilievo.

Poi FdI all’interno del Parlamento è sotto rappresentato. Per lei ci sono enormi problemi, avrà tante difficoltà”. Dopo aver ribadito che “il Partito Democratico non è mai nato” Cacciari ha chiosato spiegando che Lega e Forza Italia rispetto alle elezioni del 2018 sono dimezzati in fatto di consensi. “Dall’altra parte non c’era alcuna coalizione, il Pd era solo. Quindi il centrodestra non ha stravinto”