×

Michele Cilli scomparso a Barletta, la sorella: “Ormai ci aspettiamo un cadavere”

Sono passate quasi due settimane e di Michele Cilli non c'è traccia. I familiari non sono ottimisti, ma vogliono quanto prima delle risposte

Michele Cilli

Vi è ancora un grosso alone di mistero riguardo la scomparsa di Michele Cilli. Il ragazzo è sparito da Barletta la notte tra venerdì 14 gennaio 2022 e sabato 15 gennaio 2022. Sono quasi due settimane quindi che le ricerche vanno avanti ma con scarso successo.

La famiglia di Michele non è ottimista e pensa che il giovane sia morto.

La sorella di Michele Cilli pensa che sia morto

A parlare ai microfoni di una trasmissione locale è la sorella di Michele Cilli, che ha dichiarato di aspettarsi solo il cadavere del fratello. Ciò che più snerva la famiglia Cilli è non sapere nulla, non avere sue notizie. Intanto, mentre la gente spera, la polizia sta operando con tutti i mezzi di cui dispone pur di trovare il 24enne.

Oltre ad aver controllato tutta Barletta, le forze dell’ordine hanno fatto ricerche anche in zone più isolate, dove hanno dovuto impiegare strumenti come droni e cani dell’unità cinofila.

Si pensa che Michele Cilli possa trovarsi a Fiumata

Come riporta Fanpage, il lavoro della polizia si è concentrato principalemente su Fiumara, periferia a nord di Barletta. In tale zona sono stati ritrovati degli oggetti identificati come indumenti che però non appartenevano a Michele Cilli.

Un altro indizio che porta ad indagare in quella zona è il fatto che la macchina sospetta su cui è salito Michele l’ultima volta che è stato avvistato, è stata vista percorrere la strada in direzione di Fiumara. L’auto è stata sequestrata dalla polizia che si messa alla ricerca di possibili tracce di Michele, comprese quelle di DNA.

Muro di omertà sulla scomparsa di Michele Cilli: interrogato anche il proprietario della Golf nera

L’auto è una Golf nera con targa tedesca appartenente ad una persona già nota alle forze dell’ordine. Michele Cilli è stato visto salire su quell’auto all’1:30 di notte, tra il 14 e il 15 gennaio 2022. Agli amici aveva detto che si trattava di un conoscente, ma il fratello di Michele, intervistato dal Corriere del Mezzogiorno, aveva dichiarato che in passato il proprietario della golf aveva minacciato di morte il 24enne. Il ragazzo della Golf è stato interrogato, anche perchè presentava delle ferite sui polsi subito dopo essere tornato alla festa. Alla polizia ha dichiarato di essersi ferito prima dell’incontro con Michele a causa di un incidente domestico ed di essersi fatto refertare all’ospedale di Foggia. Intervistati dalla polizia anche alcuni presenti alla festa a cui era Michele. Purtroppo però, invece di collaborare hanno deciso di percorrere la via dell’omertà.

Contents.media
Ultima ora