Il miglior rimedio per alleviare la fibromialgia
Il miglior rimedio per alleviare la fibromialgia
Wellness

Il miglior rimedio per alleviare la fibromialgia

fibromialgia
fibromialgia

Come superare la Fibromialgia? Scopriamo insieme il rimedio per alleviare questa sindrome per la quale ha sofferto anche Lady Gaga

Una delle patologie che colpisce maggiormente le donne è sicuramente la Fibromialgia. La Fibromialgia è una patologia che è sempre stata tenuta nascosta o poco conosciuta per vari motivi, ma che da qualche tempo è arrivata alla ribalta sui tabloid perchè ci sono molti personaggi che ne soffrono. Una delle celebrità dello star system americano è sicuramente la cantante Lady Gaga che da tempo ha dovuto rallentare i suoi ritmi.

Fibromialgia Reumatica

La cantante Lady Gaga a causa delle forti sofferenze causate dalla Fibromialgia Reumatica ha dovuto fermare il suo tour europeo e rallentare i ritmi di lavoro. Lady Gaga ha pubblicato uno dei suoi ultimi selfie su Instagram e sul famoso social la cantante è apparsa molto sofferente, soprattutto in viso. Il tutto ha spaventato moltissimo i fan che da sempre seguono la cantante, famosa per i suoi molteplici cambi di look.

Nel post su Instagram Lady Gaga ha dichiarato: “Quando mi sentirò più forte e più pronta racconterò la mia storia in modo approfondito e ho intenzione di farlo non solo per me stessa ma per aiutare le persone che soffrono come me.

Uso la parola “soffrono” non per pietà o per attirare l’attenzione e mi spiace vedere persone che mi dicono che sono drammatica e che faccio la vittima. Chi mi conosce sa che io non sono questo”.

Lady Gaga ha continuato: “Io sono una combattente. Io uso quella parola perchè il trauma e il dolore cronico hanno cambiato la mia vita e mi stanno impedendo di vivere una vita normale. E mi stanno tenendo lontano da ciò che più amo al mondo: esibirmi per i miei fan. Non vedo l’ora di tornare al più presto in tour, ma ora devo ascoltare quello che mi dicono i medici in modo da essere più forte in futuro e potermi esibire per i prossimi 60 anni. Vi amo”.

Ostelife

Tra i prodotti per la cura delle infiammazioni muscolari più famosi che possiamo trovare sul mercato c’è sicuramente Osteoren, il cui nome è stato recentemente cambiato in Ostolife.

Osteolife è un prodotto che permette di alleviare il dolore causato dalla osteoartrite e dalla osteocondrosi. Queste due malattie portano il soggetto a soffrire d’infiammazioni articolari e spasmi muscolari. Osteolife agisce positivamente sulle articolazioni e sui tessuti contribuendo alla rigenerazione della cartilagine articolare.

Ostelife crema

osteolife
osteolife

Ecco una lista degli effetti positivi di Osteolife, utilissimo per combattere le infiammazioni articolari:

  • Alleviare il dolore muscolare e articolare.
  • Alleviare la Fibromialgia.
  • Combattere il gonfiore.
  • Diminuire l’ipertonia dei muscoli.
  • Eliminare e alleviare l’infiammazione.
  • Può aiutare a combattere il gonfiore e alleviare l’infiammazione.
  • Può aiutare a rallentare la progressione di malattie articolari e alla colonna.
  • Aiuta nella rigenerazione delle cartilagini.
  • Contribuisce a rallentare il processo degenerativo della cartilagine e stimolare il metabolismo dei tessuti.
  • Contribuisce ad alleviare i sintomi di mal di schiena e dolori articolari, Fibromialgia osteoartrite e ostecondrosi.
  • Può contribuire nella diminuzione dell’ipertonia muscolare.
  • Rigenerare la cartilagine articolare.

Ostelife composizione

Ecco quali sono gli ingredienti di Osteolife:

  • OLIO DI ABETE: utile per la gestione degli spasmi muscolari, tra i quali i crampi.

    Procede alleviando i processi infiammatori ed inoltre contribuisce ad apportare ossigeno e nutrienti a tutte le articolazioni, accelerandone la riparazione.

  • DI CANFORA: permette di migliorare la circolazione del sangue, quindi riduce gonfiore ed edemi muscolari. Poi attenua in gran parte le infiammazioni delle articolazioni e produce un effetto defaticante.
  • DI EUCALIPTO: serve a ridurre il dolore sia di origine muscolare o nervosa.
  • OLIO IPPOCASTANO: noto per essere un anti-infiammatorio naturale e contribuisce ad eliminare gonfiore e placare il dolore.
  • DI MENTA: da un effetto rinfrescante e, per questo, agisce da analgesico e anti-infiammatorio.

Come funziona

Ecco come utilizzare Osteolife:

  1. Applicare Osteolife su pelle asciutta e massaggiare fino al completo assorbimento.
  2. Utilizzare il prodotto per due o tre volte al giorno.
  3. Evitare di risciacquare la pelle per un’ora a partire dal momento dell’applicazione della crema.

Osteoren crema prezzo

Per acquistare Osteolife è necessario collegarsi sul sito ufficiale del prodotto dove si potranno trovare moltissime promozioni.

Dopo essere entrati nel sito ufficiale è necessario effettuare la registrazione e successivamente ordinare il prodotto. Il prodotto potrà essere pagato alla consegna in contrassegno. La consegna del prodotto sarà affidata al corriere che consegnerà in un tempo velocissimo il pacchetto in un sacchetto anonimo.

Fibromialgia

“Fibromialgia” è una parola che nasce etimologicamente dai termini “Fibra” e “Mialgia” e nel vocabolario medico viene associata a una sindrome caratterizzata da dolore muscolare cronico diffuso associato a rigidità. la Fibromialgia è conosciuta con altri termini, come per esempio “Sindrome di Atlante”, oppure “Sindrome Fibromialgica (FM)”. In ogni caso la sindrome presenta un leggero aumento della tensione muscolare.

Sindrome fibromialgica

La Fibromialgia si caratterizza per un dolore muscolare ed un dolore simile ai tessuti fibrosi (tendini e legamenti) di tipo cronico, oltre che insonnia o disturbi del sonno. Molti sono anche i disturbi d’ansia e depressivi in parte dei pazienti, alterazioni della sensibilità (come eccessiva percezione degli stimoli) e calo dei livelli di serotonina, dolore cronico diffuso, fluttuante e migrante associato a rigidità, astenia (calo di forza con affaticabilità).

Dolori muscolari

Le parti del corpo dove prevale il dolore muscolare sono: la colonna vertebrale, le spalle, il cingolo pelvico, braccia, polsi, cosce.

Al dolore cronico, che si presenta spesso a intervalli, si associano diversi sintomi, soprattutto disturbi dell’umore e del sonno, nonché astenia, ovvero affaticamento cronico. Inoltre la non-risposta ai comuni antidolorifici, nonché il carattere “migrante” dei dolori, sono peculiari della Fibromialgia.

Fibromialgia diagnosi

La Fibromialgia è stata diagnosticata da poco tempo perchè da sempre le caratteristiche cliniche sono state a lungo controverse e mai fin troppo chiare. E’ stata da sempre descritta come forma generalizzata di reumatismo extra-articolare non infiammatorio, ad origine incerta. Non si tratta di un disturbo psichico e ancora oggi alcuni specialisti la vedono come un insieme disparato di sintomi spesso trattati come psicologici, o come gli effetti fisici del disturbo depressivo.

Fibromialgia ultime scoperte

La malattia potrebbe essere riconducibile all’attività lavorativa svolta dal soggetto debilitato, ad una familiarità genetica, a reazioni allergiche o ad un coinvolgimento del sistema immunitario, che abbiano causato un tilt dei maggiori recettori neurologici.

La reale eziologia è sconosciuta, ed è considerata perciò una sindrome reumatica non tipica. Possiamo dire che ancora oggi la Fibromialgia ha dei punti ancora oscuri da studiare.

Sicuramente non si sa ancor molto su questa malattia, soprattutto perchè tutt’oggi non ci sono veri e propri esami clinici che permettano la formulazione di una diagnosi vera e propria. Anzi, molteplici sono le condizioni patologiche che spesso presentano sintomatologie simili. Generalmente vi si arriva per esclusione, e proprio per questo viene spesso denominata come malattia invisibile.

Fibromialgia sintomi

I sintomi principali della Fibromialgia sono:

  • Bruciore durante la minzione.
  • Cefalea muscolotensiva o emicranica.
  • Colon irritabile (stipsi e/o diarrea).
  • Difficoltà di concentrazione.
  • Disturbi della sfera affettiva (ansia e/o depressione).
  • Disturbi del sonno (poco profondo e non ristoratore).
  • Dolori al torace.
  • Parestesie (costituite da formicolii e sensazioni simili a punture).
  • Perdita di memoria.
  • Rigidità mattutina (specie al collo e alle spalle).
  • Sensazione di gonfiore alle mani.
  • Sensazione di stanchezza (astenia).

Dolori articolari diffusi

Il quadro doloroso della Fibromialgia interessa soprattutto le articolazioni e le aree muscolo-tendine.

In particolare il dolore si può manifestare con due caratteristiche particolari che sono:

  • ALLODINIA: è la percezione di dolore in risposta a stimoli che normalmente non sono dolorosi.
  • IPERALGESIA: consiste nella percezione di un dolore molto intenso in risposta a stimoli dolorosi lievi.

Fibromialgia sintomi iniziali

Infine esistono varie sintomatologie che spesso si verificano contemporaneamente alla Fibromialgia e che possono essere un campanello d’allarme. Esse sono:

  • Acufeni, disturbi della coordinazione e vertigini.
  • Dismenorrea (crampi mestruali dolorosi).
  • Disordini craniomandibolari o temporomandibolari.
  • Disturbi gastrointestinali (in circa il 40-70% dei pazienti fibromialgici è presente la sindrome dell’intestino irritabile, con dolori addominali, diarrea, nausea, stitichezza o meteorismo).
  • Dolore cronico pelvico.
  • Fenomeno di Raynaud (vasospasmo eccessivo provocato da uno stimolo fisiologico di vasocostrizione, indotto da stimoli simpatici).
  • Ipersensibilità della pelle ed eruzioni cutanee.
  • Problemi urologici (incontinenza parziale, pollachiuria e minzione dolorosa).
  • Secchezza degli occhi e della bocca.
  • Tachicardie e palpitazioni.
  • Visione sfocata e fotofobia (eccessiva sensibilità alla luce).

Fibromialgia cause

Non esiste, per ora, uno studio che confermi una causa univoca della Fibromialgia. Tuttavia i reumatologi sono concordi nell’individuare una serie di fattori che possono scatenare la sindrome e condizionarla. Si ipotizza, inoltre, che possa essere legata a disfunzioni ormonali e ad alcune alterazioni a livello dei neurotrasmettitori. Ecco una lista delle principali cause:

  • ALTERAZIONI DEL LIVELLO DEI NEUROTRASMETTITORI: un forte stress cronico, endogeno o esogeno, altera il modo di funzionare di alcuni neurotrasmettitori cerebrali (serotonina, dopamina, noradrenalina, Gaba…), contribuendo all’insorgenza dei sintomi dolorosi che si presentano nella Fibromialgia.
  • DISEQUILIBRIO ORMONALE: nei pazienti affetti da Fibromialgia, in associazione all’iperattività dei neurotrasmettitori indotta dallo stress, sono state osservate alterazioni dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene. Lo sviluppo della Fibromialgia, quindi, potrebbe derivare dalla perturbazione di questo sistema endocrino.
  • DISTURBO DEL SONNO: nella Fibromialgia, alcuni neurotrasmettitori che partecipano alla modulazione del dolore sono coinvolti anche nella regolazione del sonno e dell’umore.
  • INFEZIONI: alcune malattie, spesso ad eziologia virale, sembrano innescare o aggravare i sintomi della fibromialgia. Alcuni esempi sono rappresentati dalla mononucleosi infettiva provocata dal virus di Epstein-Barr (EBV), dal morbo di Lyme o dalla Sindrome da Contaminazione Batterica del Tenue (SIBO).
  • PREDISPOSIZIONE GENETICA: alcune mutazioni genetiche possono rendere i soggetti più sensibili a sviluppare la malattia.
  • STRESS FISICO O EMOTIVO: lo stress può essere un importante fattore scatenante lo sviluppo della fibromialgia. La patologia è frequentemente associata a disturbi legati a questa condizione, come la sindrome da fatica cronica (CFS), il disturbo post-traumatico da stress, la sindrome del colon irritabile e la depressione.
© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi anche

Eleonora Cattaneo 555 Articoli
Nata durante l'estate del 1991. Sono laureata in Scienze dei Beni Culturali e Lettere Moderne. Amo scrivere, la moda, l'arte, il cinema e i viaggi.