×

Minacce a Draghi: gli accertamenti della polizia postale

Minacce a Draghi su Telegram da parte dei no vax: "Tutti davanti al suo appartamento"

Mario Draghi

Il presidente del Consiglio Mario Draghi è stato oggetto di minacce da parte di no vax e no green pass su Telegram. Il gruppo di no vax del gruppo “Basta Dittatura” ha postato in chat messaggi del tipo: “Ogni sera, ore 21, tutti davanti all’appartamento del draghino malefico”.

Minacce a Draghi: pubblicato l’indirizzo del premier

Il precitato gruppo no vax ha pubblicato online anche l’indirizzo di casa di Mario Draghi. Come se questo non bastasse, è stata postata anche una foto della residenza del premier, più un fotomontaggio che ritrae quets’ultimo con baffetti stile Adolf Hitler.

Minacce a Draghi: gli accertamenti della polizia postale

Sul caso la polizia postale e delle comunicazioni sta svolgendo gli opportuni accertamenti.

Le autorità hanno dichiarato ad Adnkronos: “L’attenzione investigativa su questi ambienti e sulle modalità di diffusione dei messaggi è costante e non è mai venuta meno”.

Minacce a Draghi: i messaggi scritti in chat dai no vax

Sul gruppoo Telegram Basta Dittatura – Proteste, sono stati riportati messaggi del tipo: “Cercate gli indirizzi e i numeri di: tutti i ministri, tutti i capi partito che hanno sostenuto la Dittatura, tutti i presidenti di Regione, tutti i virologi da Tv, tutti i collaborazionisti manipolatori nelle Tv e canali di manipolazioni vari”.

E inoltre: “Scrivete nei commenti tutto quello che trovate con le tecniche spiegate in precedenza … Scrivete anche la fonte e la prova”.

Contents.media
Ultima ora