×

Molestie sessuali, il direttore James Levine sospeso dal Metropolitan Opera

Condividi su Facebook

Molestie sessuali, la Metropolitan Opera di New York City ha sospeso il direttore d'orchestra James Levine. Tre uomini lo avevano accusato.

Molestie sessuali, il Metropolitan Opera di New York ha deciso di sospendere il direttore d’orchestra James Levine. Ben tre uomini lo hanno accusato. Le accuse risalgono a quando le vittime erano soltanto adolescenti. Gli abusi risalirebbero quindi a decenni fa, a partire dagli anni Sessanta.

Peter Gelb, il general manager dell’importante teatro di New York, ha annunciato la sospensione di ogni rapporto con James Levine. Le performance già in programma sono state tutte cancellate, e fra queste c’era l’edizione della Tosca di Capodanno.

Molestie sessuali opera

Accuse di molestie sessuali anche nel mondo della musica classica. Il caso Weinstein ha aperto quello che di fatto è un vero e proprio vaso di Pandora.

Ben venga, se serve a smascherare malefatte fin’ora celate. Il Metropolitan Opera, famosissimo teatro di New York, ha comunicato di avere aperto un’inchiesta sul suo celebre direttore d’orchestra, James Levine. L’indagine è fondata su un rapporto di polizia del 2016. Qui in un uomo accusa il Maestro di avere sessualmente abusato di lui, a partire da quando era poco più che adolescente, circa una trentina di anni fa . I funzionari del teatro hanno ammesso di essere a conoscenza del rapporto di polizia dall’anno scorso.

Tuttavia, non avevano deciso di aprire le indagini poiché James Levine aveva sempre negato ogni accusa. È stato deciso ora di avviare un’inchiesta in seguito alla ricevuta di richieste da parte dei media sul comportamento del famoso direttore d’orchestra.

Ora, Peter Gelb, general manager del celebre teatro, ha comunicato l’interruzione di ogni rapporto con James Levine. Sono state cancellate le esibizioni già in programma. Tra queste, l’attesa edizione della Tosca di Capodanno.

molestie sessuali

Indagini

James Levine è uno dei più famosi direttori d’orchestra del mondo viventi. L’inchiesta si fonda su una denuncia raccolta dalla polizia di Lake Forest nel 2016. Questo, nonostante che, secondo la legge in vigore nell’Illinois, il reato di abuso su minore era andato in prescrizione da diversi anni.

Messo di fronte alle accuse, il 74enne James Levine aveva negato fermamente quanto imputatogli. Il teatro ha però deciso di riaprire il dossier dicendosi ”profondamente disturbato”. Quindi l’inchiesta continuerà, con risorse esterne al fine di prendere le misure appropriate. Tuttavia, il celebre direttore d’orchestra non è nuovo a situazioni di questo tipo. Non è la prima volta che indiscrezioni sull’atteggiamento perverso di James Levine fanno volano negli ambienti della musica classica. Infatti, l’ex portavoce del Mettropolitan Opera Johanna Fielder ne aveva scritto addrittura in un libro nel 2001, dal titolo Molto Agitato: The Mayhem Behind the Music at the Metropolitan Opera. Tuttavia, si tratta della prima volta che l’importante teatro agisce in questo modo, prendendo per fondate le accuse fatte a James Levine, allontanandolo così.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.