> > Omicidio in Germania: altri due italiani uccisi all'estero

Omicidio in Germania: altri due italiani uccisi all'estero

Christian Zoda e Sandra Quarta

Nuovo giallo in Germania. Altri due ragazzi italiani sono stati uccisi. Si tratta di Christian Zoda e Sandra Quarta, di 23 e 20 anni.

Altri due ragazzi italiani sono stati uccisi all’estero.

Le vittime sono Christian Zoda e Sandra Quarta, di 23 e di 20 anni, che sono stati trovati morti in Germania. 

Omicidio in Germania: altri due italiani uccisi all’estero

Dopo il caso dei due fidanzati uccisi in Inghilterra, un nuovo giallo in Germania, dove sono stati trovati morti altri due ragazzi italiani. Le vittime sono Christian Zoda, 23enne originario di Messina, e Sandra Quarta, 20enne scomparsa tra il 18 e il 19 dicembre.

Secondo quanto riportato da Bild, per l’omicidio del giovane è stato fermato un 52enne, nel cui giardino è stato trovato il cadavere della ragazza. Secondo le testimonianze, i due erano amici stretti e l’uomo fermato sarebbe lo zio della ragazza. Il giovane è morto il 21 dicembre, dopo essere stato ferito a colpi di pistola davanti alla pizzeria del padre a Albstadt, cittadina tedesca a Sud di Stoccarda. Il ragazzo, ferito verso mezzogiorno, è stato portato in ospedale, dove è morto.

L’uomo di 52 anni è stato fermato con addosso la pistola. Nel suo giardino il corpo della ragazza.

Omicidio in Germania: le indagini

Secondo quanto riportato dalla Gazzetta del Sud, “la ragazza sarebbe scomparsa domenica mattina“. Lo scorso martedì la polizia ha iniziato le ricerche con gli elicotteri e i cani. Dopo l’omicidio di Zoda e l’arresto dell’indagato, è emersa la verità sulla scomparsa di Sandra Quarta, il cui cadavere è stato trovato sepolto nel giardino del sospettato.

Entrambi sarebbero stati uccisi a colpi di pistola, ma l’indagato è rimasto in silenzio. Il 20 dicembre, giorno prima del delitto, Zoda aveva postato sul suo profilo Facebook un annuncio con le foto di Sandra Quarta in cui si denunciava la sua scomparsa, dicendo che la ragazza aveva lasciato “borsa, scarpe, giacca, occhiali, e cellulare a casa”.