×

Oms, Sage: il vaccino anti-Covid e il vaccino antinfluenzale possono essere inoculati insieme

Secondo quanto riferito dall’Oms, il Sage ha approvato che il vaccino anti-Covid e il vaccino antinfluenzale possano essere somministrati insieme.

oms
CREATOR: gd-jpeg v1.0 (using IJG JPEG v62), quality = 82

L’Organizzazione mondiale della sanità sulle vaccinazioni (Sage) ha approvato l’inoculazione del vaccino sintetizzato contro il coronavirus insieme al vaccino antinfluenzale.

Oms, Sage: il vaccino anti-Covid e il vaccino antinfluenzale possono essere inoculati insieme

In seguito all’ultima riunione effettuata, il comitato di esperti afferenti all’Organizzazione mondiale della sanità sulle vaccinazioni (Sage) ha dato il via libera alla somministrazione del vaccino anti-Covid insieme al vaccino antinfluenzale.

Secondo quanto riferito dopo la conclusione della riunione, infatti, le “evidenze, seppur limitate, sulla co-somministrazione di vaccini influenzali stagionali inattivati con vaccini Covid-19 non hanno mostrato un aumento degli eventi avversi”.

Sage, vaccino anti-Covid e vaccino antinfluenzale inoculati insieme: raccomandazioni

Inoltre, il Sage ha anche precisato che “poiché le fasce d’età adulta alle quali viene tradizionalmente raccomandata la vaccinazione contro l’influenza stagionale sono anche a rischio di sviluppare Covid grave, la somministrazione contemporanea di un vaccino antinfluenzale inattivato e di qualsiasi vaccino Covid-19 autorizzato dall’Oms per l’uso di emergenza è accettabile e massimizzerà l’assorbimento di entrambi i vaccini”.

Sulla base delle stime condotte dagli esperti dell’Oms, poi, l’influenza stagionale colpisce ogni anno più di un miliardo di persone. Tra coloro che contraggono la malattia, circa 3-5 milioni vengono infettati in modo grave e circa 290.000-650.000 soggetti perdono la vita a causa del virus influenzale.

Sage, vaccino anti-Covid e vaccino antinfluenzale inoculati insieme: indicazioni e gruppi target

Per quanto riguarda il vaccino antinfluenzale, infine, il Sage ha ribadito il proprio invito a tutti i Paesi di lavorare all’organizzazione di programmi di immunizzazione contro l’influenza.

In particolare, l’Organizzazione mondiale della sanità sulle vaccinazioni ha posto l’accento sui cosiddetti gruppi target ossia “operatori sanitari, malati cronici, anziani e donne in gravidanza ed eventualmente ulteriori sottopopolazioni come bambini e persone ad alto rischio di influenza grave, che vivono in contesti comunitari come carceri, strutture di assistenza a lungo termine, campi per profughi o richiedenti asilo, case famiglia”.

Allo stesso modo, in relazione alla pandemia da SARS-CoV-2, il comitato di specialisti del Sage ha raccomandato di dare precedenza all’immunizzazione con vaccino antinfluenzale agli “operatori sanitari, anziani e donne in gravidanza”.

Contents.media
Ultima ora