×

Per un nucleare più sicuro

default featured image 3 1200x900 768x576

A seguito dell’incidente di Fukushima, il Direttore generale dell’International Atomic Energy agency (IAEA), Yukiya Amano, ha messo al lavoro un team di esperti internazionali incaricati di eseguire ispezioni ed analisi sul sito della centrale nucleare . Il loro lavoro è stato poi presentato dapprima alla Ministerial Conference on Nuclear Safety del giugno 2011 a Vienna e quindi al Board of Governors (BoG) dell’Agenzia, lo scorso mese di settembre.

Il BoG ha adottato, basandosi su questi risultati, una bozza di Action Plan on Nuclear Safety, approvato all’unanimità dalla IAEA General Conference. sviluppato in collaborazione con tutti gli Stati membri dell’organizzazione, con i quali sono state tenute consultazioni continue e intensive, l’Action Plan vede anche il contributo, come consigliere, del International Nuclear Safety Advisory Group (INSAG).

imageIl piano mette in evidenza 12 punti considerati fondamentali per raggiungere l’obiettivo di un’industria del nucleare sicura, efficiente, e che sia un valido supporto per le politiche di sviluppo economico e sociale, eque e rispettose dell’ambiente.

Il team è guidato da Gustavo Caruso.

In questa intervista dell’11 novembre 2011, mette in evidenza come il lavoro del suo team fornendo le risposte ai dodici quesiti fondamentali posti dall’Action Plan.

Zef Mazi, Senior Strategy Officer per l’IAEA, Zef Mazi, a sua volta presenta gli obiettivi e le linee guida che hanno ispirato il piano.

Il report Initial Progress in the Implementation of the IAEA Action Plan on Nuclear Safety  è disponibile per il download a questo indirizzo.

Contents.media
Ultima ora