×

Perché Johnson & Johnson sospende la produzione del vaccino anti-Covid

Johnson & Johnson ha deciso di sospendere temporaneamente la produzione di vaccino Covid, creando un problema per il rifornimento in Africa.

stop johnson

Johnson & Johnson ha deciso di sospendere temporaneamente la produzione di vaccino Covid, creando un problema per il rifornimento in Africa.

Johnson & Johnson ha fermato la produzione di vaccino

Johnson & Johnson ha ufficialmente riconvertito ad altra produzione anche l’ultima sua filiale che produceva ancora vaccini contro il Covid, situata nella città di Leinden, in Olanda.

La casa farmaceutica ha comunque assicurato di avere ancora magazzini pieni di scorte, ma sicuramente si tratta di una notizia scioccante soprattuto per i Paesi in via di sviluppo, e l’Africa in particolare.

Rischio di carenza di vaccini per l’Africa

Il vero problema è proprio per il Continente africano: infatti, il siero monodose di Johnson & Johnson è quello scelto da molti di questi Paesi per la campagna vaccinale. Anche il direttore del programma di distribuzione di vaccini dell’Unione africana, Ayoade Alakija, ha affermato di non essere a conoscenza della decisione dell’azienda.

Al momento, in Africa su 1,37 miliardi di abitanti in 55 Stati dell’Unione Africana, quasi il 90% della popolazione non ha ancora ricevuto nemmeno una dose di vaccino anti Covid.

Solidarietà per i Paesi in via di sviluppo

Il tema della solidarietà nei confronti di Paesi a basso reddito per la lotta al Covid-19 è una tematica che ha a lungo tenuto banco tra i leader governativi in Occidente.

Marina Sereni, vice ministra degli Esteri, è intervenuta all’evento “Rinnovare il partenariato tra Unione europea e Unione africana” tenutosi all’ambasciata francese proprio in merito a questa faccenda:

«In Africa la maggioranza della popolazione non ha ricevuto la prima dose. Bisogna proseguire nello sforzo di solidarietà attraverso Covax. L’obiettivo promosso anche dall’Italia è quello di vaccinare il 70% della popolazione mondiale entro la metà del 2022».

Contents.media
Ultima ora