Morani, "Al lavoro con il raffreddore": è bufera sui social | Notizie.it
Morani, “Al lavoro con il raffreddore”: è bufera sui social
Politica

Morani, “Al lavoro con il raffreddore”: è bufera sui social

alessia morani

Il post di Alessia Morani ha scatenato una bufera sui social. La deputata avrebbe sottolineato di essere al lavoro nonostante il raffreddore.

La deputata del Pd Alessia Morani ha condiviso uno scatto che ritrae sé stessa con la mano sul naso. La didascalia spiega che la donna è al lavoro nonostante il raffreddore. Agli utenti social non è proprio andata giù questa affermazione ed è scoppiata la bufera. In molti si sono scagliati contro Morani: “Noi anche con la febbre, per non essere licenziati”.

Al lavoro con il raffreddore

“Nonostante il raffreddore sono in commissione a discutere gli emendamenti al disegno di legge su corruzione e prescrizione”, così recitava il post della deputata del Pd Alessia Morani. La frase sembrava voler sottolineare la sua dedizione al lavoro nonostante il malanno di stagione. Non l’hanno però presa bene gli utenti del web che si sono scagliati contro la donna. Secondo molti si tratta di una lamentela evitabile, viste le condizioni in cui sono costretti a lavorare molti italiani.

morani raffreddore

I tweet di risposta

Gli utenti, di fronte al post di Morani non si sono trattenuti. Qualcuno ha fatto dell’ironia: “Nonostante il raffreddore? Che eroe” o ancora “Io con il tuo stipendio ci vado anche in verticale camminando sulle mani”. Altri commenti, invece, hanno posto l’accento sulle condizioni in cui molti italiani sono costretti a lavorare.”Da operaio vado al lavoro con 38 di febbre altrimenti mi licenziano prima che lei possa fare uno starnuto” ha scritto un utente.

Un altro ha twittato: “Sa quante persone sono al lavoro, in luoghi molto meno confortevoli delle aule di commissione e con stipendi nettamente inferiori al suo, con influenza e febbre?”. Insomma, i cittadini non hanno proprio gradito il tweet della deputata.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche