×

Rimborsi Lombardia: condannati Renzo Bossi e Nicole Minetti

Sono 52 i condannati nel processo che ha visto coinvolti assessori e consiglieri regionali in Lombardia. Tra i condannati anche Massimiliano Romeo.

minetti e bossi 768x388

Il tribunale di Milano ha trovato colpevoli ben 52 imputati (57 erano in totale gli accusati) nel maxi-processo sui rimborsi spese del Pirellone, sede della regione Lombardia. Le persone coinvolte sono tutti ex assessori ed ex consiglieri: l’accusa è di peculato.

Sono, invece, stati assolti 5 ex consiglieri.

Tra i nomi di maggiore spicco troviamo il figlio di Umberto Bossi, Renzo Bossi, detto il Trota, e la famosa igienista dentale personale di Silvio Berlusconi, Nicole Minetti.

Le spese folli di Bossi e Minetti

Renzo Bossi è stato trovato colpevole di aver speso circa 16mila euro di rimborsi spese. Tra i più assurdi prodotti comprati dal figlio di Umberto ci sono biscotti, caffè, cornetti, spazzolini e lattine di Red Bull.

La condanna impartita al ‘Trota’ è di due anni e sei mesi.

Ancora più alta la cifra contestata a Nicole Minetti. L’igienista dentale, infatti, è accusata di aver speso poco meno di 20mila euro per “spese personali”. In particolare, nei rendiconti stilati dalla Procura, sembra che l’ex consigliera abbia pagato con i soldi pubblici diversi pasti in ristoranti giapponesi e alcune copie del libro di Paolo Guzzanti ‘Mignottocrazia‘. La condanna per la Minetti ammonta a un anno e otto mesi.

Tra i condannati anche Romeo

La condanna più alta è stata impartita a Stefano Galli, ex capogruppo della Lega Nord in Regione Lombardia, e ammonta a 4 anni e 8 mesi. Nella lunga lista di condannati troviamo anche Massimiliano Romeo, attuale capogruppo della Lega in Senato. Al politico lombardo sono stati contestati circa 30mila euro spesi tra pranzi e cene faraoniche. La sua condanna (1 anno e 8 mesi) è stata ridotta di sei mesi poiché prima del processo Romeo aveva già risarcito la regione.

Il legale di Romeo, Jacopo Pensa, ha così parlato ai microfoni: “Se c’era un sistema, c’era certamente da 30 anni e loro lo hanno ereditato in buona fede. Faremo appello” ha annunciato “noi puntiamo alla revisione delle condotte contestate perché per noi c’è la mancanza del dolo nel peculato“.

Contents.media
Ultima ora