Augurò una pallottola a Laura Boldrini, le scuse su Facebook
Politica

Augurò una pallottola a Laura Boldrini, le scuse su Facebook

Laura Boldrini

"Ho usato la rete in maniera sbagliata. Chiedo scusa a Laura Boldrini, come donna e mamma" scrive su Facebook il pentito leone da tastiera.

Nel 2017 scrive su Facebook che Laura Boldrini avrebbe bisogno “di una bella pallottola”. Dopo il patteggiamento della pena, l’autore di questo commento decide di chiedere scusa pubblicamente all’ex presidente della Camera.

“Ho usato la rete in maniera sbagliata”

“Marco, scuse accettate, soprattutto per il tuo impegno a non ripetere simili azioni non solo nei miei ma anche nei confronti di qualsiasi altra persona” scrive su Facebook Laura Boldrini. Dopo le offese social, l’ex presidente della Camera aveva patteggiato con Marco Capasso ottenendo un risarcimento che ora, annuncia, verrà destinato “a progetti di educazione civica digitale“.

Il 40enne però decide anche di porgere alla Boldrini delle “sentite scuse” pubbliche, scrivendo il 28 giugno 2019 sul social network di Mark Zuckerberg: “Circa due anni fa ho scritto un post su Facebook rivolgendole queste parole ‘mi sa tanto che ha bisogno di una bella pallottola…’. Era in verità un periodo della mia vita non positivo essendo assai deluso dalla realtà che mi circondava.

Ed ho usato la rete in maniera sbagliata“.

“Pronto ad aiutare i più deboli”

“Prometto di non farlo più né verso Laura Boldrini né verso altre persone. Sono un uomo tranquillo, odio la violenza e i soprusi, mi piace la musica e l’Arte. Per tentare di riparare, seppur parzialmente, alla volgarità che ho usato nei suoi confronti sono pronto – annuncia – a prestare servizio presso una associazione che si occupa dei diritti dei più deboli“.

“Concludo rinnovando le mie scuse all’On. Boldrini, ma in particolar modo, alla Sig.ra Laura Boldrini in qualità di donna e mamma“, ribadisce infine Marco. L’ex presidente della Camera ne approfitta quindi non solo per assicurare di aver perdonato il 40enne ma anche per informarlo di aver “già trovato un’associazione presso la quale – annuncia – potrai prestare servizio per aiutare chi si trova in situazioni di difficoltà”.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Paola Marras
Di origine sarda ma nata e cresciuta a Roma. Dopo la maturità classica ho studiato "Scienze politiche" all'Università La Sapienza. Scrivo quotidianamente sul web per testate e blog dal 2006, giornalista dal 2009. Mi sono sempre occupata di servizi di approfondimento e d'inchiesta, alcuni scelti come fonte di Wikipedia, di libri e testi universitari mentre altri sono stati tradotti all'estero. Autrice anche di qualche scoop. Dal 2018 lavoro a tempo pieno per Notizie.it. Progettista Web e "Tecnico Superiore per la Comunicazione e il Multimedia", ho una profonda conoscenza del mondo internet e per questo non sono sui social.
Contatti: Mail