×

Russia, Chubais lascia il Paese: il collaboratore di Putin era contrario alla guerra

Anatoly Chubais, ormai a tutti gli effetti ex collaboratore di Putin, lascia la Russia perché in disaccordo con la politica estera del Cremlino

chubais

Il sostegno in favore di Vladimir Putin si sta sgretolando? Forse è troppo presto per dirlo, ma dal Cremlino arrivano le prime voci di qualche scricchiolio. L’inviato russo per il clima, Anatoly Chubais, consigliere personale di Putin, si è dimesso e ha lasciato il Paese.

Anatoly Chubais saluta la Russia: i motivi dietro questa decisione

Chubais era un uomo di fiducia di Putin. Fu uno dei primi ad appoggiare l’ascesa al potere dell’attuale Presidente russo già da metà anni ’90. Un tempo capo dell’amministrazione presidenziale della Russia e vice premier sotto Boris Eltsin, Chubais rappresenta senz’altro la prima defezione importante tra i collaboratori di Putin dall’inizio della guerra in Ucraina.

Da quanto è emerso pare che sia proprio questo il motivo che abbia spinto Chubais ad allontanarsi, la sua completa contrarietà alla campagna russa in Ucraina.

Cosa accade ad un russo che si oppone alla guerra? Le parole di Putin

“Qualsiasi persona, e in particolare il popolo russo, sarà sempre in grado di distinguere i patrioti dalla feccia e dai traditori e sputarli fuori come un moscerino che gli è volato accidentalmente in bocca.” Aveva detto Putin a riguardo di coloro che si opponevano alla decisione della Russia di attaccare l’Ucraina.

Lo stesso aveva poi aggiunto: “Sono convinto che questa naturale e necessaria autopulizia della società non farà che rafforzare il nostro Paese, la nostra solidarietà, coesione e disponibilità ad affrontare qualsiasi sfida.”

Contents.media
Ultima ora