×

Sgombero porto di Trieste, Salvini: “Idranti contro lavoratori pacifici, ma al Viminale come ragionano?”

Matteo Salvini ha commentato lo sgombero del porto di Trieste, dove i portuali protestano pacificamente contro il Green Pass.

Salvini

Matteo Salvini ha commentato lo sgombero del porto di Trieste, dove i portuali protestano pacificamente contro il Green Pass.

Sgombero porto di Trieste: Salvini e Meloni commentano l’azione di forza contro i manifestanti

I portuali di Trieste, da giorni, stanno protestando da giorni, in modo pacifico, contro l’obbligo del Green Pass sul lavoro. Oggi, hanno deciso di usare la linea dura per disperdere lo sciopero. I portuali sono andati avanti con un presidio attivo giorno e notte, supportati dai cittadini, che sono accorsi il loro sostegno. All’alba del quarto giorno di protesta, le forze dell’ordine hanno ricevuto l’ordine di sgomberare l’area e riportare il porto alla totale operatività.

Hanno usato la forza, caricando i presenti, così come gli idranti e i fumogeni, nel tentativo di disperdere i manifestanti. Un’azione di forza che è stata commentata da Matteo Salvini e Giorgia Meloni.

Sgombero porto di Trieste: “Ma al Viminale come ragionano?”

Matteo Salvini è intervenuto su quanto accaduto a Trieste, commentando il fatto sui social network. “Settimana scorsa si permette a un manipolo di neofascisti di mettere a soqquadro Roma, oggi si usano gli idranti contro i pacifici lavoratori e cittadini a Trieste.

Ma al Viminale come ragionano?” ha dichiarato il leader della Lega. “Idranti contro i lavoratori che scioperano al porto di Trieste. Lo stesso Governo che nulla ha fatto per fermare un rave illegale di migliaia di sbandati, nulla ha fatto per impedire l’assalto alla sede della Cgil, nulla fa per fermare l’immigrazione illegale e combattere le zone franche dello spaccio e della criminalità, che nulla fa contro le occupazioni abusive di case e palazzi privati, tira fuori dai depositi gli idranti per usarli contro dei lavoratori che scioperano pacificamente per non essere discriminati sul posto di lavoro.

Così come vuole la Costituzione, così come richiesto pure dalla Ue” ha scritto Giorgia Meloni.

Sgombero porto di Trieste: la protesta continua

Decine di uomini delle forze dell’ordine, questa mattina, sono arrivati al porto di Trieste. Alle 8.30 sono partite le operazioni di respingimento, che sono andate avanti fino alle 11, quando polizia e carabinieri sono riusciti a spingere i manifestanti oltre i parcheggi. Ci sono stati diversi fermi. I lacrimogeni sono stati lanciati sulla folla per allontanare i manifestanti dal varco portuale. I presenti hanno cercato di resistere, si sono seduti per terra e si sono tenuti per mano. Alla fine hanno indietreggiato e hanno continuato la protesta nelle strade della città.

Contents.media
Ultima ora