> > Sparatoria di Fidene, il racconto di una testimone: “È entrato e ha aperto...

Sparatoria di Fidene, il racconto di una testimone: “È entrato e ha aperto il fuoco”

sparatoria Fidene racconto testimone

Il racconto di una testimone rivela i dettagli più strazianti e la dinamica della sparatoria di Fidene, costata la vita a tre persone.

Ha fatto irruzione nella sala ed ha aperto il fuoco al grido “vi ammazzo tutti”: è il racconto fatto da una testimone sopravvissuta alla sparatoria di Fidene.

Il drammatico evento, che ha portato all’arresto di un 57enne, si è consumato durante una riunione di condominio che si stava svolgendo nella sala di un bar presa in affitto, situata in via Monte Gilberto, in zona Colle Salario, a Roma.

Sparatoria di Fidene, il racconto di una testimone: “Gridava ‘vi ammazzo tutti’”

È costata la vita a tre persone la sparatoria che si è consumata a Fidene, quartiere a nord est di Roma, nella mattinata di domenica 11 dicembre.

Altre quattro sono rimaste gravemente ferite e sono state trasportate d’urgenza presso gli ospedali Agostino Gemelli, Sandro Pertini, Sant’Andrea e Umberto I della Capitale.

Quanto accaduto è stato raccontato da una donna che si trovava sul posto al momento della tragedia. Stando al racconto della testimone, il responsabile della sparatoria di Fidene ha improvvisamente fatto irruzione nella sala in cui si stata tenendo la riunione del consiglio di amministrazione del consorzio, ha chiuso la porta e ha gridato “vi ammazzo tutti”.

Poi, ha aperto il fuoco contro i presenti, uccidendo tre donne e ferendone altre quattro.

“È entrato e ha aperto il fuoco”

La testimone ha anche detto che l’aggressore, un uomo di 57 anni fermato dalle forze dell’ordine, “era conosciuto da tutti, era un consorziato e in passato aveva fatto minacce verbali”.

“È entrato e ha sparato contro il consiglio di amministrazione del consorzio. L’arma si è inceppata ad un certo punto ed è stato bloccato da alcuni consorziati che hanno anche sbloccato la porta”, ha detto ancora la donna sopravvissuta al massacro.

“Io mi sono salvata perché mi sono messa sotto il tavolo e sono riuscita ad uscire a carponi dalla sala”, ha spiegato.