Stoviglie biodegradabili: cosa sono e quali sono le migliori - Notizie.it
Stoviglie biodegradabili: cosa sono e quali sono le migliori
Salute

Stoviglie biodegradabili: cosa sono e quali sono le migliori

Stoviglie biodegradabili
Stoviglie biodegradabili

Le stoviglie biodegradabili sono una rivoluzione per l'ecosostenibilità del pianeta e per la salvaguardia della nostra salute

Tra le altre cose spopolano anche le stoviglie biodegradabili, così cerchiamo di adattarci alle necessità cui il mondo fa richiesta. Tante le varietà di cibi bio, oltre alle altre varie accortezze che si prendono per preservare la salute umana. Ma bisogna iniziare a recuperare anche la salute della stessa terra, saremmo già in ritardo per farlo in effetti. Tra le tante invenzioni troviamo anche quella di oggetti biodegradabili nella grande abbondanza tra quelli utilizzati quotidianamente.

Le stoviglie biodegradabili

Il motivo della loro nascita

L’allarme della nostra terra riguarda vari ambiti, tra questi, quello della miriade di rifiuti che la mettono in pericolo. Sono milioni le stoviglie, parliamo di posate, piatti e bicchieri di plastica, che inquinano il mare ad esempio. Un semplice pic nic può trasformarsi nell’inizio di una grande malattia che sarà difficile da curare se scorrerà altro tempo ancora.

Quando si va in montagna e si mangia all’aria aperta, molto spesso si lasciano le stoviglie utilizzate nella natura.

Non si pensa, probabilmente, a quanto sia pericoloso alla nostra stessa sopravvivenza. Tutti i nostri rifiuti sfociano in mare coi fiumi che raccolgono tutta la sporcizia che trovano nel loro corso. Il problema però non si ferma qui. Infatti nel mare continuano il loro viaggio e si formano vere e proprie isole di plastica e rifiuti che inquinano e danneggiano tutta la biodiversità. Tantissimi sono i pesci che, nella loro vita, incontrano i nostri rifiuti rimanendoci incastrati o, peggio, ingoiandoli credendo sia cibo. Salvaguardare la terra e la sua salute non significa per forza averne a cuore la sua salute e quella delle fiere. Si deve riflettere sul fatto che inquinando e danneggiando la salute di questi due, danneggiamo indirettamente la nostra di salute. Infatti mangiando il pesce che ha vissuto nei nostri rifiuti, mangiamo i nostri stessi rifiuti attentando alla nostra stessa salute. Infatti non sono impossibili le infezioni e le intossicazioni che potrebbero provocarci.

Una più oculata attenzione, quindi, ci preserverà da simili pericoli.

Stoviglie biodegradabili e prezzi

Le stoviglie biodegradabili possono avere due tipi di materiali: la cellulosa e il cartoncino. La cellulosa è una fonte rinnovabile costituita da fibre residue della lavorazione della canna da zucchero. Essendo naturale la sua essenza, è biodegradabile e compostabile. Quindi possiamo anche trasformarla in compost, una sorta di fertilizzante simile al terriccio ottenuto dal compostaggio alcuni rifiuti urbani.

Utili, quindi le stoviglie biodegradabili in quanto sono, come detto, in grado di mantenere l’equilibrio ecologico del pianeta. Infatti così si agevola la liberazione dalle scorie e dai rifiuti per fare spazio a vita nuova. Esiste una norma europea, la EN 13432, da osservare soprattuto nei fast food e simili. Secondo la norma europea di cui abbiamo accennato, la famiglia di biopolimeri derivanti da fonti vegetali, completamente biodegradabili e compostabili da utilizzare per la loro realizzazione è la Mater-Bi.

Una tra le migliori marche a occuparsi di futuro ecosostenibile è eco-to-go e suoi prezzi variano in base alla quantità.

Infatti, al momento almeno, sono soprattutto le ristorazioni take away a comprarne di più. Per questo le organizzazioni commerciali di questi oggetti sono state adattate a determinate quantità. Quindi 3000 bicchieri con logo personalizzabile hanno un prezzo di circa 650 euro ad esempio.

Un altro sito sul quale trovare le stoviglie biodegradabili è greeenautonomy.it dove 29 pezzi di posate hanno un prezzo di 5,50euro. 50 bicchieri si pagano 4,50euro, se trasparenti, lo stesso numero di pezzi, 10,50euro.

Non abbiamo più scuse insomma, possiamo fare tutti la nostra parte per vedere a un futuro pulito e libero da inquinamenti.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi anche