> > Sulla moschea a Bologna Zuppi si dice "favorevole a soluzioni"

Sulla moschea a Bologna Zuppi si dice "favorevole a soluzioni"

Il presidente Cei Matteo Zuppi

Sulla delicata questione dell'edificazione di una moschea a Bologna il cardinale ed Matteo Zuppi si dice "favorevole a garanzie per trovare soluzioni"

Sulla moschea a Bologna il cardinale Matteo Zuppi si dice “favorevole a soluzioni” e il presidente della Cei che della città è arcivescovo non ha alcuna pregiudiziale sull’opera.

Il prelato lo ha ribadito in una intervista a Radio Uno ripresa da Dire: “Sono favorevole a trovare tutte le garanzie necessarie perché sia possibile realizzare una moschea anche a Bologna”. Matteo Zuppi, arcivescovo della città e presidente della Cei, è stato ospite ‘Forrest’ su un tema che divide molto la città. 

Zuppi favorevole alla moschea a Bologna

A suo tempo si era già detto d’accordo e rispondendo ad un ascoltatore Zuppi ha rievocato in allegria un episodio capitolino: “Il giorno dopo che arrivai a Bologna me lo chiesero e io risposi: ‘Ma io vengo da una città, Roma, dove una moschea c’è da più da 50 anni”.

Per Zuppi “ci sono problemi per costruirla, tuttavia nella Costituzione c’è il diritto di professare la propria religione”. 

“Dare delle regole per permetterla”

E in chiosa: “Credo che forse bisognerà dare delle regole che possano permettere tranquillamente di farlo, come in tutte le capitali europee dove ci sono luoghi di preghiera di tutte quante le religioni, quindi anche per quella musulmana. Io sono favorevole a trovare tutte le garanzie necessarie perché sia possibile”.