×

Tamponi Gratis, dal PD a Fratelli d’Italia: cosa ne pensano i partiti

Mancano poche ore all'entrata in vigore del Green Pass obbligatorio. Ma partiti e opinione pubblica sono letteralmente divisi sui tamponi gratuiti.

Tamponi gratis partiti

Il 15 ottobre è quasi arrivato e sono pochissime le ore che ci separano dall’entrata in vigore del Green Pass obbligatorio. Mentre lavoratori di varie categorie si sono detti pronti a scendere sul piede di guerra minacciando scioperi, le varie forze politiche si trovano ora divise sulla questione del tampone obbligatorio, un tema alquanto spinoso che appare ora di difficile risoluzione. 

Tamponi gratis partiti, chi è favorevole 

A premere per la gratuità dei tamponi troviamo tra i principali promotori la Lega di Matteo Salvini. In una recente dichiarazione, il Carroccio aveva insistito affinché venisse estesa la validità dei tamponi passando dalle attuali 48 ore a 72 ore. Tale estensione avrebbe dovuto riguardare tutti tipi di tampone inoltre – sostiene il carroccio – la gratuità avrebbe dovuto essere garantita per tutti i lavoratori e lavoratrici in mancato possesso. 

Ad unirsi alla posizione del Carroccio troviamo anche il capo politico del Movimento 5 Stelle Giuseppe Conte, mentre la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni si è sempre detta contraria fin  dall’inzio al sistema dei tamponi a pagamento.

Anche da quest’ultima le richieste sono state analoghe a quelle espresse dalla Lega. 

Tamponi gratis partiti, chi è contrario 

A schierarsi contro il tampone gratuito troviamo il Partito Democratico, Liberi e Uguali e Italia Viva. Cerca invece il compromesso Forza Italia che, pur essendo contraria, sostiene che i tamponi debbano essere gratuiti soltanto per chi è davvero impossibilitato a fare il vaccino. 

Tamponi gratis partiti, il Ministro Orlando allontana definitivamente l’ipotesi

Ha accantonato definitivamente l’ipotesi di un tampone gratuito il Ministro del Lavoro Andrea Orlando che, riporta Sky tg24,  ha dichiarato a questo proposito: “Mi sembra ragionevole pensare a tutte le forme possibili di calmierazione, ma far diventare il tampone gratuito significa dire sostanzialmente che chi si è vaccinato ha sbagliato”. 

Contents.media
Ultima ora