Totti a Buffon "Con te emozioni travolgenti. Ci sarò sempre"
Totti a Buffon “Con te emozioni travolgenti. Ci sarò sempre”
Calcio

Totti a Buffon “Con te emozioni travolgenti. Ci sarò sempre”

Totti e Buffon
Totti e Buffon

Commovente saluto dell'ex romanista al portiere con una lettera a "La Gazzetta dello Sport": "Col tuo addio rivivo le sensazioni di un anno fa".

A fine maggio 2017, Francesco Totti giocava la sua ultima partita ufficiale con la Roma, che ospitava il Genoa, in uno Stadio Olimpico gremito e commosso per salutare il leggendario capitano giallorosso. Un anno dopo, la stessa sorte tocca a Gianluigi Buffon, che saluterà la Juventus dopo 17 anni di carriera e innumerevoli successi nella partita casalinga contro il Verona. Per l’occasione, Totti ha voluto omaggiare il leader juventino con una lettera pubblicata sulle pagine de “La Gazzetta dello Sport”.

Totti, lettera per salutare Buffon

Tanti anni di carriera giocati ai massimi livelli, ma in squadre fortemente rivali, non possono certamente cancellare la stima reciproca. È un discorso che si applica perfettamente a Francesco Totti e Gianluigi Buffon, con percorsi differenti sì, ma che presentano anche diverse somiglianze. Come quella di una vita calcistica dedicata per intero (o quasi) ad una sola squadra: l’attaccante romanista fin dalle giovanili, il portiere bianconero dopo esperienze altrove. La sostanza però non cambia, perché entrambi hanno sposato la causa della propria squadra, vestendo gli stessi colori per tantissimi anni.

Lo sa bene Francesco Totti, che ad un anno dal suo ritiro avvenuto nel maggio 2017 vede adesso l’amico e connazionale Buffon pronto a compiere lo stesso passo, salutando i colori che ha difeso per tanti anni.

L’ex giocatore della Roma, ora parte della dirigenza giallorossa, ha voluto salutare l’estremo difensore bianconero con una lettera pubblicata su “La Gazzetta dello Sport“. Righe piene di sentimento, nelle quali Totti ripercorre la carriera dei due, tra rivalità, somiglianze e esperienze condivise.

“Mi sono sempre trovato a mio agio a ruoli invertiti: io che ostinatamente non riuscivo a staccarmi dalla mia maglia, tu che hai sempre provato a trasmettermi la tua razionalità.

Per me è stato difficile, a tratti straziante, chiudere il cerchio”, scrive Totti sul quotidiano sportivo.

Il pensiero va ovviamente all’ultima partita di Buffon con la Juventus, una tappa che l’ex giallorosso ha già affrontato e di cui ricorda ancora le sensazioni:

“Ora che hai annunciato il tuo addio alla Juventus, caro Gigi, mi sento scaraventato di nuovo nelle sensazioni di dodici mesi fa. Non posso dirti cosa proverai domani, nel tuo stadio. Neanche so cosa ti frullerà nella testa nelle ore successive, quando deciderai se andare avanti o fermarti. Ognuno elabora le cose a modo proprio”.

“È bello pensare che nei nostri rispettivi film abbiamo avuto entrambi una parte”, prosegue poi Totti. “Ci siamo incrociati da piccoli, siamo diventati a poco a poco capitani e uomini. Abbiamo difeso la stessa maglia, quella azzurra. E lottato rispettivamente per l’altra pelle: quella giallorossa io, quella bianconera tu”.

La lettera del “Pupone” si chiude infine ricordando gli incroci tra i due, e soprattutto le emozioni vissute assieme: “Faccio fatica a ripercorre tutto con ordine, ma il vortice che ne esce fuori è davvero travolgente: vedo le notti mondiali, la Coppa verso il cielo di Berlino, i nostri abbracci; li mescolo a un cucchiaio e a un paio di bordate che ti ho rifilato…

e a qualche parata che ti potevi pure risparmiare! E ti dico grazie, per l’avversario e il compagno che sei stato. P.s. Se nei prossimi giorni avrai bisogno di un consiglio, fammi uno squillo. Per te ci sarò sempre”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Alessandro Bai
Alessandro Bai 151 Articoli
Alessandro Bai, nato nel 1991 a Milano, città che ama ma da cui non può fare a meno di spostarsi (e ritornare, sempre). Una mamma brasiliana, un anno di studi in Inghilterra e la passione per le lingue mi hanno dato l'apertura mentale che cerco di riportare nel giornalismo. Racconto di sport per fare emozionare.