> > Uccisa da un albero caduto per strada: risarcimento da un milione per la fami...

Uccisa da un albero caduto per strada: risarcimento da un milione per la famiglia

Cristina Alongi

Solo tre giorni fa e sempre a via Aniello Falcone il vento aveva abbattuto un’impalcatura: nel 2013 una donna fu uccisa da un albero caduto per strada

Uccisa da un albero caduto per strada: risarcimento da un milione per la famiglia: la 44enne Cristina Alongi venne colpita a Napoli da un grosso pino che centrò la sua auto in marcia e non le lasciò scampo.

Il risarcimento da oltre un milione di euro per i parenti della donna è giunto dopo una ricerca di verità e giustizia che prese il via dalla tragedia in via Aniello Falcone che schiacciò la sua auto il 10 giugno 2013

Uccisa da un albero caduto in strada

Dopo 10 anni è arrivata la sentenza della Sezione VIII civile del Tribunale di Napoli firmata dal Giudice monocratico Giovanni D’Istria, pubblicata l’11 gennaio 2023.

L’albero era stato più volte segnalato come pericolante ma non vi fu alcuna iniziativa pubblica. E quel tronco immenso schiacciò la Fiat Panda di Cristina e la sua povera occupante. Il processo civile era iniziato nel 2017 ed alla fine il giudice ha “condannato in solido il Comune di Napoli ed il Ministero dell’Interno”, per la parte relativa ai  vigili del fuoco.

Il marito e la figlia distrutti dalla perdita

La condanna prevede il pagamento dei danni patrimoniali e non patrimoniali agli eredi. Di chi si tratta? Del marito di Cristina, l’ingegner Francesco Pisano e della figlia Laura, assistiti dai legali Vincenzo Cesaro, Umberto Limmogelli e Claudio Fabbricatore. La famiglia risultò completamente distrutta da quella tragedia ed il risarcimento ha giustamente tenuto conto anche dei danni immateriali. Solo tre giorni fa, in occasione del maltempo, sempre a via Falcone il vento su Vomero aveva abbattuto un’impalcatura.