×

Spazio e agricoltura sostenibile, l’Esa sceglie una Pmi italiana

Milano, 11 gen. (askanews) – Da un po’ di tempo di sente parlare di Smart Agricolture che è un sistema integrato per l’applicazione all’agricoltura delle più moderne tecnologie: dagli Apr, i famosi “droni”, al 5G, agli archivi digitali delle blockchain fino a veri e propri sistemi satellitari.

Ed è un’azianda italiana, l’EZ Lab, Pmi di Padova, una delle 4 realtà europee ad essersi aggiudicate un finanziamento nell’ambito del bando “Aspire with Esa” dell’Agenzia spaziale europea.

Lo ha fatto grazie al progetto Smart Agrisat che utilizza la tecnologia satellitare e le blockchain per l’agricoltura di precisione, in linea con i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile fissati dalle Nazioni Unite per il 2030.

In che modo? Smart Agrisat parte dai dati e dalle immagini in HD di satelliti come il Sentinel-2 dell’Esa del programma Copernicus della Commisisone europea. La piattaforma di EZ Lab analizza e rielabora le mappe, ricavandone informazioni condivise con gli agricoltori tramite connessioni veloci come il 5G, per esempio – in base alle caratteristiche orografiche della zona – per sistemi di irrigazione automatizzata, sulle giuste dosi di fertilizzanti e prodotti fitosanitari e altro, in modo da evitare sprechi e abbattere le emissioni inquinanti, generando un ciclo virtuoso.

Il sistema, inoltre, prevede anche l’uso dei “droni” per acquisire immagini anche in aree dove non c’è un’idonea copertura satellitare.

© Riproduzione riservata
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora