Argentina, esonerato Bauza: è corsa a due per il ruolo di CT

Argentina, esonerato Bauza: è corsa a due per il ruolo di ct

Calcio

Argentina, esonerato Bauza: è corsa a due per il ruolo di ct

Argentina, esonerato Bauza: è corsa a due per il ruolo di CT
Argentina, esonerato Bauza: è corsa a due per il ruolo di CT

L'annuncio ufficiale del presidente federale Claudio Tapia è di stanotte. Giovedì iniziano le trattative con Sampaoli. Ma il sogno nel cassetto è Simeone.

Fine della corsa per Edgardo Bauza. L’avventura del ct al comando dell’Argentina giunge al capolinea. E arriva come una doccia tiepida, nonostante la conferma di facciata della scorsa settimana. L’atteso benservito è stato dichiarato ieri sera sul tardi, dopo una lunga riunione tra i vertici federali e il suo rappresentante. Il numero uno dell’Afa, Claudio Tapia, è il primo che ha sentenziato, parlando di un “accordo raggiunto sulla parola”. Alias: rescissione del contratto di Bauza. “Non sarà più il tecnico della Selección. Tutto sarà formalizzato a breve”, ha garantito lo stesso Tapia. Il passo successivo sarà quello di volare in Spagna, assieme ai suoi uomini di fiducia, per cercare di chiudere con Sampaoli.

Cambio della guardia

Il ciclo del “Paton” si chiude dopo 8 mesi e 3 successi su 8 partite ufficiali. Un piatto condito da feroci critiche per quel suo gioco che non ha mai convinto molto, per una qualificazione ai prossimi Mondiali pericolosamente a rischio e per una lunga serie di convocazioni polemiche, comprese quelle mancate.

Tra queste, si annovera Icardi. Un unico dubbio: quanto sarà l’indennizzo che percepirà Bauza? Alcuni parlano di 1 milione 300 mila dollari. Poi giovedì, Tapia partirà alla volta di Barcellona per un meeting con Lionel Messi dove sosterrà il suo ricorso contro le 4 giornate di squalifica inflittegli dalla Fifa. Anche se, alla fine della fiera, l’obiettivo principale sarà quello di trovare il successore di Bauza.

Chi sostituirà Bauza?

Il principale candidato, e non è certo una novità, resta Jorge Sampaoli. Questo, infatti, può liberarsi dal Siviglia con un anno d’anticipo e pagando una penale di 1,5 milioni di euro. L’ex tecnico della Roja avrebbe già fatto intendere che sarebbe ben entusiasta di guidare la Seleccion e poter allenare Messi. Non resta che discutere con i dirigenti andalusi. Ma c’è chi sostiene che Tapia non mancherà di fare un tentativo anche con Simeone, un nome che farebbe contenti tutti. Impresa impossibile.

Perchè sebbene abbia ammesso di puntare alla panchina albiceleste, il “Cholo” avrebbe però detto chiaramente di avere altri piani, nel breve periodo. Chissà se Simeone potrà mai cedere davanti a una proposta concreta?

Edgardo Bauza: la sua carriera

Edagardo Bauza nasce a Granadero Baigorria, Argentina, nel 1958. Come calciatore ha giocato da difensore centrale nella squadra del Rosario Central. Ha segnato molti gol, nel corso della sua lunga carriera: ben 80 reti in più di 300 presenze. Inoltre, ha anche partecipato al Campionato del Mondo 1990 con l’Argentina, conquistando il secondo posto.

Bauza ha dato inizio alla sua carriera da allenatore prendendo la guida proprio del Rosario Central. Qui, ci è restato per 3 anni, dal 1998 al 2001. Fino al 2004, ha poi allenato in Argentina. A seguire, una breve esperienza con i peruviani del Sporting Cristal e, nel 2006, con gli ecuadoriani dell‘LDU Quito, coi quali ha vinto un Campionato nazionale e la Coppa Libertadores 2008.

Il 13 agosto 2014, porta il San Lorenzo alla conquista della Coppa Libertadores, per la prima volta nella sua storia, battendo i paraguaiani del Nacional. Per Bauza, è la seconda affermazione nella competizione.

Infine, dopo aver allenato anche il San Paolo, il 2 agosto 2016 viene convocato come nuovo allenatore della Nazionale argentina al posto del dimissionario Gerardo Martino.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche