Attentato Parigi 2015: attentatore ancora in libertà

Esteri

Attentato Parigi 2015: attentatore ancora in libertà

Parigi

L’uomo complice e artefice degli attentati di Parigi nel 2015 è ancora in libertà. Si teme un nuovo attacco. Potrebbe colpire ancora.

Non si ha la certezza del suo vero nome. Stiamo parlando di uno degli uomini che hanno collaborato attivamente all’organizzazione degli attentati di Parigi nel 2015. L’attentato del treno Thalys Parigi-Amsterdam del 21 agosto 2015 e quelli del 13 Novembre. Secondo le forze dell’ordine francesi, a seguito dei numerosi interrogatori, il presunto nome del terrorista è Abou Walid. Ma come già detto, non se ne ha la certezza. Ha solo circa 24-25 anni ed è già complice e artefice di numerose stragi che hanno spezzato il cuore dell’Europa. Abou Walid, il presunto, è ancora a piede libero e potrebbe tornare a colpire. La notizia l’ha comunicata la radio France Inter la quale ha scatenato tensione negli animi di tutti.

Attentato Thalys Parigi-Amsterdam

L’uomo ha avuto un ruolo predominante sulla preparazione dell’attentato del treno Thalys Parigi-Amsterdam del 21 agosto 2015. L’attentato fu attuato dal 26 enne marocchino Ayoub El Khazzani il 21 Agosto del 2015.

Fu però Abou Walid che lo accompagnò nei pressi della stazione di Bruxelles. Rifornì poi i complici sia di informazioni che di armi. Il treno trasportava 554 passeggeri e l’attentatore, poco dopo aver passato il confine belga, ha esposto il suo fucile d’assalto AKM con l’intenzione di sparare e uccidere i passeggeri. L’uomo però aveva ben altro con sé. Sono stati trovati infatti altri arsenali con cui il terrorista viaggiava: nove caricatori, una pistola e una bottiglia di benzina. Ayoub El Khazzani non era sconosciuto alle autorità europee. I servizi segreti francesi infatti lo avevano già identificato e classificato come sospettato di modulo S, il grado più alto di pericolo. Per fortuna l’attentato non si consumò completamente e il terrorista fu fermato e arrestato in tempo.

Gli attentati del 13 Novembre a Parigi

Per quanto riguarda la serie di attentati parigini del 13 Novembre, che hanno portato alla morte ben 130 persone, Abou Walid sembra essere stato il contatto diretto con la mente del commando Abdelhamid Abaaoud, il quale fu ucciso durante l’assalto al covo di Saint-Denis il 18 Novembre 2015.

I verbali consultati dai reporter di radio France Inter mettono alla luce il fatto che sia stato proprio Abou Walid a portare Abdelhamid Abaaoud a Parigi. L’uomo che stanno cercando da tempo è ancora in libertà. Le segnalazioni riferiteci parlano di un giovane robusto, barba corta, occhiali, capelli pettinati all’indietro e occhi leggermente a mandorla. Questo è tutto quello che si sa di Abou Walid, il terrorista sopravvissuto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche