Brasile, migliaia in piazza contro aumento trasporti e spese per Mondiali 2014 COMMENTA  

Brasile, migliaia in piazza contro aumento trasporti e spese per Mondiali 2014 COMMENTA  

A San Paolo e in altre città del Brasile tira aria di protesta. Migliaia di persone sono scese in piazza contro il rincaro dei trasporti pubblici e le spese esose sostenute per i prossimi Mondiali di Calcio 2014. A San Paolo è stato organizzato un corteo di circa trentamila persone, per fortuna non ci sono stati disordini. A Belo Horizonte, dove si è disputata la partita tra Haiti e Nigeria, i manifestanti hanno cercato di avvicinarsi allo stadio, ma sono stati dispersi dalle forze dell’ordine.


A Brasilia duecento dimostranti sono saliti sul tetto del palazzo del Parlamento e dichiarano di volervi restare ad oltranza. I manifestanti sono più che altro giovani, e si sono dati appuntamento tramite i social network. In tutte le città, i giovani indossano fasce con la scritta: “La rivolta dell’aceto”, poiché utilizzano questa sostanza per lenire gli effetti dei lacrimogeni lanciati dalla polizia.


 

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*