Call center lager, la paga meno di 2 euro l’ora: denunciata la titolare, fisco evaso per 114mila euro COMMENTA  

Call center lager, la paga meno di 2 euro l’ora: denunciata la titolare, fisco evaso per 114mila euro COMMENTA  

20121012-150751.jpg

Grottaminarda (Av) – alcuni call center ricordano gli allevamenti industriali di polli, altri dei lager. Giovani, molti laureati, costretti a lavorare per una miseria, spesso neanche per la cifra inizialmente pattuita.

Tra questi call center c’era uno di Grottaminarda. La paga (molti lavoravano in nero) meno di 2 euro l’ora per turni da 9 ore.

Gli operatori dovevano proporre offerte commerciali per i colossi delle compagnie telefoniche. Guai se non portavi a casa risultati. Erano in tanti pronti a sostituirti.

È una guerra per le briciole, per l’elemosina. A fine mese nella busta paga ci finivano circa 120 euro a fronte dei 653 pattuiti. Qualcuno stanco di subire si è rivolto alla guardia di finanza.

L'articolo prosegue subito dopo

La titolare, una donna di 35 anni, è stata denunciata. La titolare, inoltre, ha evaso il fisco per oltre 100mila euro. Per lei una sanzione di 213.500,00 euro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*