Charlie Hebdo terremoto: vignette criticate da sindaco Pirozzi

News

Charlie Hebdo terremoto: vignette criticate da sindaco Pirozzi

charlie hebdo terremoto
charlie hebdo terremoto

La redazione di Charlie Hebdo torna a colpire: Vignetta con uomini italiani sepolti da strati di lasagne. L’ambasciata: “Non ci rappresenta”

L’ultimo numero è uscito con una vignetta dedicata al terremoto che ha colpito il centro Italia lo scorso 24 Agosto dal titolo: “Terremoto all’italiana” e il commento “Ancora non si sa se il sisma abbia gridato ‘Allah akbar’ prima di tremare”. L’immagine ci mostra tre persone sporche di sangue e ferite ricoperte da pasta al pomodoro o intrappolate tra svariati strati di lasagne.

La squallida satira di Charlie Hebdo non risparmia neanche le vittime del terremoto italiano, persone che da giorni stanno affrontando situazioni di disagio e di profonda sofferenza. E’ un’immagine che si commenta da sola questa e il sindaco di Amatrice lascia questa semplice e decisa dichiarazione: “Satira imbarazzante”.

Il tema del terremoto è stato affrontato in modo grossolano e del tutto irrispettoso dalla redazione francese, oltre all’immagine oltraggiosa, anche le parole che hanno usato sono del tutto inappropriate come queste ad esempio: “Circa 300 morti in un terremoto in Italia. Ancora non si sa se il sisma abbia gridato ‘Allah akbar’ prima di tremare”.

Ovviamente sul web e sui social sono subito apparsi commenti e l’indignazione del popolo italiano si fa sentire, anche tutto il mondo politico ha espresso il proprio disappunto sull’accaduto.

Infatti l’ambasciata francese è intervenuta subito per prendere le distanze da quanto è stato detto dalla rivista satirica in questione. “Il terremoto che ha colpito l’Italia centrale il 24 agosto è un’immensa tragedia. Siamo al fianco dell’Italia in questa prova”. Con queste parole la Francia ha espresso il suo cordoglio e ribadito la sua offerta di aiuta alla nazione Italiana. “Il disegno di Charlie Hebdo non rappresenta la posizione della Francia”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...