Charlotte, ancora scontri: morto un manifestante. Altra vittima a Baltimora COMMENTA  

Charlotte, ancora scontri: morto un manifestante. Altra vittima a Baltimora COMMENTA  

charlotte

Terza notte di scontri a Charlotte, con il sindaco che ha indetto il coprifuoco. Morto il manifestante rimasto ferito ieri. Altre morti a Baltimora e Tulsa.

Charlotte ha vissuto la terza notte consecutiva di scontri fra manifestanti e forze dell’ordine. La città della North Carolina è presidiata dalla polizia locale e dagli uomini della Guardia Nazionale, inviati sul posto dopo che il governatore statale ha dichiarato lo stato di emergenza. Il sindaco di Charlotte, Jennifer Roberts, ha indetto il coprifuoco fra mezzanotte e le sei del mattino.

Leggi anche: Usa 2016: la squadra di Donald Trump


I manifestanti chiedono che sia reso pubblico il video della morte di Keith Lamont Scott, l’afroamericano rimasto ucciso pochi giorni fa in uno scontro con la polizia. La versione ufficiale dice che la vittima ha estratto e puntato l’arma contro i poliziotti, prima di venire colpito a sua volta. Dal video, mostrato finora solo ai famigliari di Keith Lamont Scott, non arriverebbe una conferma evidente e chiara di tutto ciò.

Leggi anche: Terremoto Nuova Zelanda: fondale marino innalzato di ben 2 metri


Nel frattempo, a Charlotte c’è stata un’altra vittima. L’uomo rimasto ferito la notte scorsa e ricoverato in gravi condizioni è deceduto. Le autorità hanno ribadito che le forze dell’ordine non hanno sparato neppure un colpo in questi giorni e che l’uomo sarebbe stato ucciso da un altro civile, la cui identità non è stata resa nota.


Altra vittima a Baltimora. Incriminata la poliziotta che ha sparato a Tulsa

Da Baltimora arriva la notizia di un altro afroamericano ucciso dalla polizia. Si tratta del 21 enne Tawon Boyd, deceduto a seguito di una colluttazione con alcuni poliziotti all’interno del suo stesso appartamento. Secondo le prime ricostruzioni, Boyd era disarmato, fatto che ha indotto i famigliari ad accusare la polizia di uso eccessivo della forza.

L'articolo prosegue subito dopo


A Tulsa, in Oklahoma, Betty Shelby, la poliziotta che ha sparato e ucciso un afroamericano è stata accusata di omicidio colposo. La vittima, Terence Crutcher, era stato fermato da una pattuglia per un controllo e non aveva armi. Nel video che ha incriminato la Shelby si vedrebbe in modo chiaro che la vittima era ferma e con le mani sulla nuca quando la poliziotta gli ha sparato.

Leggi anche

Leslie Thurow: ubriaca alla guida travolge un poliziotto
Esteri

Leslie Thurow: ubriaca alla guida schiaccia un poliziotto

Una donna ubriaca travolge un poliziotto e lo manda per parecchi mesi all'ospedale: la sentenza dopo due anni.   Questo il risultato della sbornia di Leslie Thurow:  sedici ossa rotte, otto interventi chirurgici, 17 mesi di fisioterapia per Cockins che ha letteralmente travolto e schiacciato con la sua macchina. Il poliziotto dell'Illinois l'ha vista davvero brutta.  La conducente, Leslie Thurow, già conosciuta per le sue bravate in stato di ebrezza,  era completamente ubriaca e lo ha schiacciato con il suo SUV contro una Jeep. All'epoca la Thurou aveva già ricevuto svariate segnalazioni e contravvenzioni per il suo terzo incidente in Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*