Cocaina: se tagliata male è aggravante. Condanne a 7 anni COMMENTA  

Cocaina: se tagliata male è aggravante. Condanne a 7 anni COMMENTA  

La polvere bianca è tornata negli aggiornamenti del legislatore. Presto pene più severe

La cocaina è tornata prepotentemente di moda tra giovani e giovanissimi pieni di soldi: ecco l’ultimo caso capitato a un cinquantenne di Genova

LEGGE NON SCRITTA – E’ una vecchia legge della droga, non scritta ma non per questo meno efficace: più una sostanza è diffusa, più alto sarà il rischio che sia contaminata o “impura”. Questo capita, al giorno d’oggi, alla cocaina, sempre più diffusa e tagliata male, come ci racconta questo recente esempio di Genova. Il gup (giudice dell’udienza preliminare) Nicoletta Bolelli ha infatti condannato a sette anni e quattro mesi un cinquantenne genovese, che era stato arrestato lo scorso maggio con un etto di cocaina nascosto dentro le mutande. Il giudice ha avuto la mano pesante dopo aver giudicato come un’aggravante il fatto che la cocaina fosse tagliata con il levamisolo cloridrato, sostanza ritirata dal commercio perché dannosa per l’uomo e usata solo ormai in ambito veterinario. Il pm Federico Manotti aveva chiesto 10 anni. L’uomo era stato fermato al casello di Genova Ovest e nel corso della perquisizione gli agenti di polizia gli avevano trovato addosso la cocaina, evidentemente tagliato male.

Leggi anche: E’ morto John Glenn: il primo americano andato in orbita

COMPLICAZIONI – I pericoli del levamisolo sono noti da diversi anni, per essere più precisi, dal 2009, quando il dipartimento delle politiche antidroga della presidenza del Consiglio dei ministri lanciò un’allerta affermando che questo tipo di sostanza ha effetti deleteri perché riduce i globuli bianchi aumentando il pericolo di infezioni. Si spera che l’aggravante nel caso in questione possa sinceramente far diminuire la pratica del cattivo taglio della sostanza, che ancora oggi causa moltissimi morti, ben di più della semplice assunzione della sostanza. Può essere una sentenza che passerà a fare giurisprudenza. Restiamo in attesa di ulteriori sviluppi da Genova e non solo.

Leggi anche: 2016 anno dei lutti: da David Bowie a Muhammad Ali

 

Leggi anche

funerale-don-antonio
Cronaca

Morte Don Antonio: si alzano le mattonelle della Sonrisa

Strano fenomeno dopo la morte di Don Antonio Polese, noto a tutti per la sua trasmissione 'il Boss delle Cerimonie' e per la celebre villa da lui realizzata nella quale il programma televisivo veniva ambientato. Secondo quanto raccontato dal caposala La Sonrisa, Davide Gaetano, dopo la morte del boss nella villa sarebbe accaduto qualcosa di molto strano. In un intervista al giornale locale Il corrierino, Gaetano ha spiegato che, come gli è stato raccontato, dopo la morte di Don Antonio le mattonelle della sala della sua casa nel quale era stata allestita la camera ardente, quelle che portavano dalla bara Leggi tutto
About Modestino Picariello 463 Articoli
Giornalista e insegnante, amo poter raccontare la realtà in maniera chiara e semplice. Il più grande potere è nella conoscenza
Contact: Google+

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*