Come aumentare concentrazione e memoria: rimedi naturali

Salute

Come aumentare concentrazione e memoria: rimedi naturali

cervello e memoria
[ File # csp8447571, License # 2141764 ] Licensed through http://www.canstockphoto.com in accordance with the End User License Agreement (http://www.canstockphoto.com/legal.php) (c) Can Stock Photo Inc. / mkoudis

Avere una memoria di ferro è sicuramente il desiderio e la felicità di tanti studenti di tutte le scuole e università, esistono molti prodotti in grado di aiutare a migliorare la capacità di concentrazione e la memoria, uno di questi è Ginkgo 120 Stem.

Avere una memoria di ferro è sicuramente il desiderio e la felicità di tanti studenti di tutte le scuole e università. Esistono molti prodotti in grado di aiutare a migliorare la capacità di concentrazione e la memoria, uno di questi è Ginkgo 120 Stem.

Non tutti abbiamo la stessa capacità di memoria ed è anche vero che alcune persone hanno maggior attenzione e memoria per alcune cose e meno per altre, ad esempio c’è chi memorizza più facilmente dati numerici e date di eventi ma non ha memoria per nomi e parole, viceversa c’è chi memorizza con minor fatica le parole, i nomi e cognomi di persone e non ha memoria per i dati numerici. Esistono diversi metodi per migliorare la memoria e migliorare la capacità di memorizzare, esistono anche delle sostanze che aiutano il cervello a concentrarsi meglio per immagazzinare dati in memoria. Migliorare la concentrazione e la memoria non è solo importante e utile per gli studenti, è importantissimo per tutti, sul lavoro ma anche nella vita quotidiana…pensiamo ai tanti bugiardi seriali che inventano mille versioni diverse di uno stesso episodio facendo macelli… Migliorare la memoria è quindi possibile, magari non si raggiungerà l’obiettivo di avere una memoria infallibile ma certo si potrà almeno ambire a migliorare risultati e performance nello studio e nel lavoro. Andiamo allora alla ricerca dei metodi naturali per migliorare la concentrazione e la memoria.

Memoria: come migliorarla

La prima cosa da fare per avere una memoria non di ferro ma almeno efficiente è quella di allontanare la convinzione di non avere memoria. Continuando a ripetere a noi stessi di non avere una determinata capacità, di certo otterremmo il risultato di essere delle vere schiappe in quel determinato settore. Se ci convinciamo e ripetiamo di essere negati per memorizzare qualcosa, certo questa sarà la nostra fine: equivarrà ad essere delle schiappe nel memorizzare qualcosa. Invece mettiamoci nello stato d’animo giusto, pensiamo, come in realtà è, che il nostro cervello ha tutto quel che serve per memorizzare. Il secondo step è quello di mantenere la mente allenata, quindi anche se non dobbiamo studiare, anche se non partecipiamo tutti i giorni a riunioni di lavoro in cui ci viene chiesto di riferire dati, numeri, nomi e cognomi, è buona cosa tenere la mente attiva e in esercizio, insomma tenerla sempre in allenamento. Quello dell’esercizio continuo e dell’allenamento è una regola generale che riguarda il cervello ma anche le altre parti del corpo, sappiamo come si perde la forma se si smette di fare esercizio fisico, come i muscoli e tessuti si rilassano se non si praticano attività fisiche, ad esempio se ci mettessimo sulla bici a pedalare dopo un lungo periodo di sedentarietà non potremmo certo ambire a fare una lunga passeggiata senza essere colti in breve dall’affanno e dalla fatica. Così anche il cervello. Se all’improvviso ci cogliesse l’ambizione di imparare a memoria la Divina Commedia…probabilmente rimarremmo delusi per la notevole difficoltà che incontreremmo sin dalle prime strofe. Meno difficoltà incontreranno quelle persone che riescono a mantenere una mente attiva. Per mantenere una mente attiva occorre non perdere la buona abitudine di leggere, che siano libri, riviste, quotidiani, leggere fa bene, soprattutto se la lettura riguarda argomenti di nostro interesse. I giochi enigmistici non sono solo un passatempo, sono un passatempo utile per il cervello che “lavora” divertendosi, fare largo uso di parole crociate, rebus, sudoku e simili è un ottimo modo per mantenere il cervello allenato. A volte mette malinconia, ma è sempre un bell’esercizio mentale quello di ripassare e ripetere a memoria le poesie imparate a scuola, è un modo per tornare per un attimo indietro nel tempo ma è senza dubbio un utilissimo esercizio per il cervello. Un altro passaggio importante è imparare a memorizzare. Un metodo noto e comune è quello di associare i dati da memorizzare, oppure un concetto da imparare, con un’immagine o serie di immagini che siano reali oppure di fantasia. Lo stratagemma di associare un concetto da memorizzare con un’immagine che facilmente ricorre nel nostro cervello è un sistema molto efficace.

Un’altro aiuto a migliorare concentrazione e memoria proviene dai principi naturali contenuti in erbe, cibi, e simili. Quante volte abbiamo sentito dire, soprattutto da bambini, che per imparare a memoria qualcosa avremmo dovuto mangiare tanto pesce perché contiene il fosforo? In effetti il fosforo, oltre a dare un contributo importantissimo per la crescita dell’organismo dei bambini, per il benessere dell’organismo di piccoli e adulti, svolge una funzione benefica anche nei confronti del cervello, agisce positivamente sul sistema nervoso, migliorando la memoria, inoltre è un ottimo alleato contro la depressione. Quindi si conferma l’utilità del vecchio modo di dire dei nostri nonni, mangiate tanto pesce per fare il pieno di fosforo, tuttavia anche altri alimenti contengono il fosforo, ad esempio i cereali, la carne e il latte. I vegetariani e vegani possono trovare il fosforo nella frutta secca, ricca in generale di tanti sali minerali. Le noci in particolar modo sono utili al cervello, di cui peraltro ricordano la forma, perché contengono la serotonina che aiuta a regolare l’umore e aiuta il cervello. Il fosforo è anche nei semi di zucca, nei legumi e nei cereali, ma anche nel cioccolato fondente, e questa è senz’altro una buona notizia per chi è anche molto goloso. Se pensiamo di non introdurre nell’organismo sufficiente fosforo e per questo temiamo di penalizzare la nostra capacità mnemonica, è sempre possibile compensare con integratori a base di fosforo. Un altro componente naturale che aiuta la memoria è la colina che è presente sopratutto nelle arachidi e nel tuorlo dell’uovo. Un aiuto per la memoria si riceve anche dagli estratti naturali di erbe e piante, ad esempio l’estratto naturale di ginkgo biloba è considerato da tempo immemore un aiuto valido per la mente. Il ginkgo biloba è una delle piante più antiche che sono ancora presenti sul pianeta Terra ed è da sempre apprezzato come alleato della memoria, della concentrazione e delle mente in generale, infatti agisce direttamente sul sistema nervoso oltre a essere una fonte di radicali liberi. Il ginseng è un altro integratore per il cervello, grazie alle sue proprietà adattogene ha la capacità di riportare l’equilibrio all’organismo e alla mente, combatte la stanchezza mentale e aiuta la memoria. Infine anche l’olio di germe di grano aiuta a resistere all’affaticamento intellettuale mentre il té verde fornisce tanti antiossidanti.

Ginkgo 120 Stem: cos’è

ginkgo

Come abbiamo già detto, possiamo aiutare il nostro cervello a concentrarsi di più e quindi a memorizzare meglio anche attraverso gli integratori alimentari. Ne analizziamo uno in particolare, Ginkgo 120 Stem, un integratore assolutamente naturale, privo di effetti collaterali, adatto a chi studia, lavora o, semplicemente, desidera rafforzare la sua capacità mnemonica. Ginkgo 120 Stem infatti stimola le funzioni cerebrali e favorisce l’aumento della produzione di cellule staminali, migliorando lo stile e la qualità di vita di quanti lo assumono. Scopriamo insieme nel paragrafo che segue come funziona Ginkgo 120 Stem nello specifico.

Come funziona

Ginkgo 120 Stem è un integratore naturale particolarmente adatto per quanti studiano, lavorano e praticano attività sportive in maniera abbastanza intensa, perché gi elementi che lo compongono stimolano non solo le funzioni cerebrali e la produzione di cellule staminali, ma introducono anche nell’organismo nuova energia così da affrontare la giornata senza fare affidamento a sostanze dannose per l’organismo, come ad esempio la caffeina. Inoltre, Ginkgo 120 Stem è un integratore naturale particolarmente indicato anche per le persone anziane, contenendo non solo proprietà energizzanti e favorendo la comparsa dei benefici sopramenzionati, ma anche proprietà antiossidanti, in grado dunque di guarire i tessuti danneggiati e rafforzare il sistema immunitario.

Ginkgo 120 Stem è un integratore assolutamente naturale, adatto per chiunque voglia migliorare le proprie funzioni cerebrali ed affrontare con maggiore energia le giornate particolarmente intense. Se assunto regolarmente, Ginkgo 120 Stem:

  • migliora le funzioni cerebrali, sia nel breve che nel lungo termine, stimolando l’afflusso di sangue al cervello e facendo sì che esso reagisca in maniera più rapida agli stimoli esterni;
  • ottimizza i riflessi, stimola la funzione mnemonicae e la capacità d’attenzione;
  • migliora il benessere psicofisico dell’individuo che lo assume;
  • è un potente antiossidante, previene l’invecchiamento e contrasta la formazione dei radicali liberi.

Ginkgo 120 Stem è un integratore naturale, privo di effetti collaterali, pertanto non dannoso per la salute umana. Tuttavia, se ne sconsiglia l’assunzione in gravidanza, durante l’allattamento ed ai soggetti allergici ad uno dei principi che compongono il prodotto. Inoltre, Ginkgo 120 Stem può interagire con altri farmaci, in particolare, con i farmaci anticoagulanti, gli antiaggreganti piastrinici, i diuretici e gli antiepilettici.

I principi attivi di cui Ginkgo 120 Stem si compone sono:

  • il Ginkgo Biloba, che sviluppa l’intelligenza, stimola l’apporto di sangue al cervello e migliora la capacità di concentrazione;
  • l’Estratto di Ganoderma, che aiuta l’organismo a mantenere uno stato generale di benessere psicofisico;
  • l’Alga Afa, che stimola la produzione di cellule staminali, ha funzione antiossidante, protegge dallo stress e riduce il dolore;
  • il Ginseng, presente in tre diverse forme: il Ginseng cinese, che combatte la stanchezza cronica, il Ginseng siberiano, che migliora le funzioni cognitive ed il Ginseng indiano, con benefici tonici sull’intero organismo.

Dove si acquista

Ginkgo 120 Stem non si acquista in farmacia, ma solo ed esclusivamente attraverso il sito ufficiale della casa di produzione, previa registrazione da parte dell’utente. Nello specifico, avrete bisogno di compilare un modulo, inclusivo dei vostri dati anagrafici e quelli relativi alla vostra residenza, numero di telefono e numero di confezioni che desiderate acquistare. I tempi di consegna sono veloci ed il pagamento può avvenire in contrassegno, ovvero, tramite corriere. Ginkgo 120 Stem non ha un costo fisso, ma variabile in base al numero delle confezioni che si desidera acquistare.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

ACNE SUL VISO.
Salute

Come curare la pelle del viso: consigli da sapere

20 settembre 2017 di Maura Lugano

La pelle del viso soffre spesso di problemi di arrossamento oppure di acne, fenomeni che creano degli inestetismi poco gradevoli ma che, tuttavia, possono essere eliminati abbastanza facilmente, soprattutto se ci si mette nelle mani del prodotto giusto, come Derminax.