Come utilizzare Facebook per aiutare un paziente affetto da leucemia per trovare il suo donatore COMMENTA  

Come utilizzare Facebook per aiutare un paziente affetto da leucemia per trovare il suo donatore COMMENTA  

C’era solo una possibilità su 10 milioni quando Paul Zamecknik è stato scelto come donatore che potrebbe aiutare un uomo di 53 anni della Virginia a ottenere un trattamento utile per la leucemia.

Leggi anche: AIL: come diventare socio e volontario


Dopo che il potenziale donatore non si è presentato per l’appuntamento programmato, Zamecnik ha dovuto rivolgersi a Facebook per trovare l’uomo che avrebbe potuto salvargli la vita.


“Io sono un possibile candidato per il trapianto. Ciò che mi manca è un donatore”, ha raccontato Zamecnick.” Non ho modo di conoscere chi sia e dove vive. Il programma del donatore preferisce mantenere la privacy, ma sono sicurò che cambierà idea”.

A questo punto, ha deciso di aprire la pagina Facebook per mettersi in contatto con l’anonimo donatore, di cui non sa nulla, a parte il fatto che ha 25 anni e vive in America. “Sarebbe meraviglioso dare a una seconda possibilità a un’altra persona, per questo ho deciso di aprire la pagina Facebook

Qualora Zamecnicl non riuscisse a trovare chi gli ha donato la vita, sarebbe importante per lui che altri diventassero donatori, visitando il sito bethematch.com

La sua pagina ha già ricevuto più di 45.000 “mi piace” da venerdì mattina.Tantissimi hanno postato commenti e lo hanno incoraggiato a continuare.


Ha ricevuto tre tipi diversi di chemioterapia in circa 8 anni, da quando a 45 anni gli è stato diagnosticato la leucemia, ma dice che i trattamente non stanno ottenendo l’effetto desiderato e non possono aiutarlo.

L'articolo prosegue subito dopo


“E’ un po’ più lungo, ma non ho niente da perdere”, ha detto alla NBC.

 

 

 

Leggi anche

famigliadown
News

Bimbo Down abbandonato: famiglia cerca adozione

Un mese fa, al Policlinico di Bari, era stato partorito e abbandonato un bimbo affetto dalla Sindrome di Down e finalmente è arrivata una coppia disposta ad adottarlo. Il piccolo si trova ancora in una culla del reparto di Neonatologia nel capoluogo pugliese, ma quando sarà dimesso, avrà una casa pronta ad accoglierlo. Poco tempo prima era stata abbandonata nello stesso ospedale una bimba con la medesima patologia – causata, lo ricordiamo, dalla presenza di un cromosoma 21 in più – ed è stata subito "scelta". Diverso il caso del maschietto, per cui i richiedenti adozione hanno seguito un “lungo percorso” secondo la prassi. In entrambi in casi comunque si Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*