Donald Trump e il ritorno del modello fascista COMMENTA  

Donald Trump e il ritorno del modello fascista COMMENTA  

BIRCH RUN, MI - AUGUST 11: Republican presidential candidate Donald Trump speaks at a press conference before delivering the keynote address at the Genesee and Saginaw Republican Party Lincoln Day Event August 11, 2015 in Birch Run, Michigan. This is Trump's first campaign event since his Republican debate last week. (Photo by Bill Pugliano/Getty Images)

Se è vero che la Storia si ripete, allora secondo il professore e filosofo Sam-Ben Meir, il candidato repubblicano Donald Trump incarnerebbe un nuovo modello di fascismo.

Leggi anche: Facebook condanna l’apologia di fascismo: 13 denunciati a Varese


Meir si riferisce ad un’idea di fascismo come regime militaresco autoritario, nazionalistico e anti-immigrazione.

Difatto Trump rispecchia queste caratteristiche per il suo desiderio di espandere l’autorità presidenziale, la sua politica nazionalistica antimmigrazionale e razzista, e per concludere con il suo spirito bellicoso verso il sistema giudiziario e la strumentalizzazione delle paure degli americani mutandole in pregiudizi verso gli altri.


Bisogna tener conto però che Trump non è un caso isolato nel panorama odierno, anzi, sempre più partiti d’estrema destra, come anche in Austria e Russia, stanno crescendo in un modo che non si vedeva sin dalla Seconda Guerra Mondiale. Ciò di fatto indica un dato preoccupante, un sintomo inequivocabile della decadenza della democrazia.


L’aspetto più preoccupante di Trump è che riesce a manipolare chi assiste ai suoi comizi trasformandoli in una massa violenta capace di negare i diritti di immigrazione, come nel caso del muro di separazione con il Messico, alimentando un isterismo xenofobo. Trump inoltre, spaccia un pensiero razzista e nazionalistico per correttezza politica, cercando di portare a sé le grandi masse di cittadini con reddito basso e poco istruiti.

L'articolo prosegue subito dopo


Di certo il fascismo di Meir non va visto come quello passato, ma non per questo meno pericoloso, e perciò non bisogna rimanere impassibili davanti ai sintomi d’allarme che Trump incarna, ma anzi metterli in luce e correre ai ripari della malattia globale che incombe sul panorama mondiale.

 

Leggi anche

Giallo di Foggia: ritrovato cadavere di donna carbonizzato
Cronaca

Giallo di Foggia: ritrovato cadavere di donna carbonizzato

Un vero orrore quello di Borgo Mezzanone, pochi chilometri da Foggia. E' stato ritrovato  il cadavere di una donna, quasi del tutto  carbonizzato.   La scoperta è di questa mattina intorno alle 7,30. Un ospite del Centro accoglienza si è accorto del cadavere che stava sotto ad un vigneto. L'uomo stava andando a piedi a lavoro come bracciante agricolo, ed ha subito avvisato i carabienieri. I carabinieri sul posto ha scoperto il cadavere, cadavere di una donna disteso per terra nel cuore della campagna, a più o meno 300 metri dall'uscita del Cara. La donna era seminuda e pare che Leggi tutto
About Silvia Iacocagni 19 Articoli
Studentessa di Scienze delle Comunicazioni all'università di Roma Tre. Food Blogger Instagram.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*