Euro 2016 fa strage di allenatori, via anche Hodgson
Euro 2016 fa strage di allenatori, via anche Hodgson
Calcio

Euro 2016 fa strage di allenatori, via anche Hodgson

euro 2016 roy hodgson

Dopo Leonid Slutski e Anghel Iordanescu arriva il nome eccellente, quello di Roy Hodgson. Dopo l’uscita dall’Europeo, il ct inglese si è dimesso.

L’Inghilterra vota per uscire dall’Europa e l’Inghilterra che finisce fuori da Euro 2016. Per ciò che riguarda il calcio, potrebbe non essere un dramma, non fosse che la sconfitta decisiva è arrivata per mano dell’Islanda.

Cose che capitano, spero vedrete presto l’Inghilterra in finale

Roy Hodgson ha rassegnato le dimissioni da allenatore dell’Inghilterra. Lo ha fatto parlando con i giornalisti nel corso della conferenza stampa dopo il match con l’Islanda. “Mi dispiace che finisca così” ha spiegato il ct inglese, “ma queste cose capitano nel calcio. Avrei voluto rimanere sulla panchina dell’Inghilterra per altri due anni, ma sono un uomo pratico e so che dipendiamo dai risultati. Spero che riuscirete presto a vedere la nazionale inglese nella finale di un grande torneo“.

Un gruppo giovane e talentuoso: giusto li guidi qualcun altro

Dopo la delusione dei mondiali in Brasile, dove l’Inghilterra fece solo un punto in tre partite e finì fuori già nella fase a gironi, la delusione per essere stati eliminati dall’Islanda ha portato Hodgson a ritenere necessario abbandonare la guida della nazionale.

È arrivato il momento che sia qualcun altro a prendere la guida di questo giovane e talentuoso gruppo”, ha annunciato Hodgson, il quale, riferendosi alla partita con l’Islanda, ha dichiarato che i “ragazzi” hanno tutto quello che potevano: a loro “non posso imputare nulla, si sono impegnati fino in fondo”.

Roy Hodgson va ad aggiungersi al gruppo degli allenatori che hanno rassegnato le dimissioni dopo Euro 2016. Prima di lui, infatti, anche l’allenatore della Russia Leonid Slutski e quello della Romania Anghel Iordanescu avevano abbandonato l’incarico di commissari tecnici.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche