Flavio Crepaldi: ritrovato il corpo nel lago di Como COMMENTA  

Flavio Crepaldi: ritrovato il corpo nel lago di Como COMMENTA  

 È stato ritrovato nel lago di Como, all’altezza del Comune di San Siro, il cadavere di Flavio Crepaldi, il direttore della filiale della Bnl di Abbiategrasso scomparso lo scorso 18 dicembre a San Vittore Olona, nel Milanese.

Leggi anche: Alla discoteca Le Le Bahia si balla latino americano


I sommozzatori dei vigili del fuoco hanno ritrovato il cadavere a una profondità di circa 30 metri, ponendo la parola fine nel modo più tragico a una triste storia.

Leggi anche: La disoccupazione fa paura alle famiglie lombarde


L’uomo, 50 anni, era uscito di casa a bordo di uno scooter e, da allora, di lui si erano perse le tracce. I carabinieri e i sommozzatori dei vigili del fuoco stavano portando avanti le ricerche nell’area del lago di Como dalla sera di giovedi’ scorso, quando erano stati ritrovati sulla spiaggia di San Siro i vestiti dell’uomo, il cui cadavere e’ stato individuato oggi a circa 30 metri di profondita’.

In serata, appreso del ritrovamento, si sono ritrovati al Centro parrocchiale di S. Vittore Olona, un centinaio di persone, tra  amici e famiglie, italiane e straniere, della rete di mutuo aiuto familiare di cui Flavio era principale animatore, che in questi giorni si sono costituiti in comitato per cercare Flavio dopo la sua scomparsa.


Quello di Crepaldi, che lascia la moglie e cinque figli, sarebbe stato un gesto volontario. ”Non abbiamo parole da spendere, resta solo il silenzio sgomento e il desiderio umano di abbracciare forte forte la moglie, i figli e tutti i parenti di Flavio”, ha commentato Alberto Fedeli, presidente di un comitato di cittadini, costituito dopo la scomparsa di Crepaldi, che nei giorni scorsi aveva organizzato una fiaccolata a San Vittore Olona per sostenere le ricerche.

L'articolo prosegue subito dopo


 

Leggi anche

arresto-a-milano
Milano

Operazione anti spaccio a Milano: il video dell’arresto sui Navigli

Scene da film tra le vie di Milano con un triplice arresto in 'diretta' documentato dalle telecamere. Accade sui Navigli dove gli agenti della polizia in borghese hanno pedinato, filmato e arrestato tre persone. L'arresto è avvenuto in via Gola, epilogo di un'operazione della locale diretta dal vice comandante Paolo Ghirardi che ha portato al fermo di un 32enne italiano, R.F., di un tunisino 47enne, M.M. e di un egiziano di 48 anni, O.E.S. I tre sono stati a lungo seguiti ed osservati mentre spacciavano alla luce del sole per le vie di Milano ed una volta raccolto materiale video Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*