Franco Battiato alla stampa: “Nelle casse del Turismo non c’è un euro, hanno rubato tutto” COMMENTA  

Franco Battiato alla stampa: “Nelle casse del Turismo non c’è un euro, hanno rubato tutto” COMMENTA  

Stamattina Franco Battiato, assessore al Turismo della Sicilia, alla conferenza stampa tenuta al Palazzo d’Orleans a Palermo, annuncia che non c’è un euro nelle casse del governo per il turismo, dice: “Dimenticatevi dei Grandi Eventi e del Circuito del Mito. Cancellateli”.

Battiato ha inoltre dichiarato che la società pubblica CineSicilia (controllata dalla regione) sarà liquidata. Insieme al  dirigente del dipartimento turismo Alessandro Rais, ha inoltrato dei documenti al governatore Crocetta, per l’avvio della liquidazione della società in questione.


“Nelle casse del Turismo non c’è un euro, hanno rubato tutto”, così Battiato ha dichiarato alla stampa, presentando pure il suo programma. Il cantautore, coglie l’occasione per difendersi dalle accuse di assenteismo, dovute al suo tour, dichiarando: ” Sulle mie assenze sono state dette delle palle.

Se anche non avessi questo tour, che mi serve per promuovere la nostra cultura nel mondo, non c’è un euro nelle casse dell’assessorato e non si più lavorare.

Questo è un punto che non si può cambiare e Crocetta sarà costretto a cercare fondi europei per ottenere un minimo”.

Battiato racconta, “Ogni volta che sono all’estero promuovo l’isola, ad esempio a Berlino – dice Battiato – ho incontrato l’ambasciatore, come ad Amburgo e a Bruxelles.

L'articolo prosegue subito dopo

Anche se siamo sovrastati di proposte fortemente significative, ad esempio a Bologna è venuto a vedermi il sindaco e mi ha proposto un gemellaggio. Sono pochi soldi, con i Tuareg. Abbiamo ricevuto offerte anche dal Kazakistan e dall’India per promuovere un festival di musica siciliana. Pagherebbero tutto loro, pensate”.

Conclude dicendo che farà il possibile per lavorare, ma sono necessari, almeno, un pò di soldi, ribadendo il suo intento: “Voglio lavorare sulla fisica quantistica”.

Castellano Stefania

 

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*