Germania minacciata dall’Isis: “Colpiremo i loro simboli”

Esteri

Germania minacciata dall’Isis: “Colpiremo i loro simboli”

Isis

Dopo l'attacco a Barcellona, l'Isisi minaccia la Germania. Le minacce sembrerebbero credibili e le misure di sicurezza sono state ulteriormente innalzate.

Dopo il grave attentato a Barcellona, il terrorismo continua a minacciare l’Europa e questa volta è la Germania a finire sotto il mirino dell’Isis. Solo qualche giorno fa anche l’Italia è stata minacciata: l’allerta è ai massimi livelli.

Nuova minaccia dell’Isis

La notizia è stata lanciata dal “Daily Mail”, il quale afferma che le nuove minacce dell’Isis alla Germania sono da ritenersi credibili. Nello specifico, nel numero di Luglio di “Rumiyah”, la rivista riconducibile all’Isis, compare una foto della cattedrale di Dresda. Non era stata però data molta importanza al fatto, soprattutto perchè non si tratta della prima volta che il Daesh usa immagini di luoghi sacri del cristianesimo, così come è successo anche per la Basilica di San Pietro.

In seguito all’attacco della Rambla, uno degli attentatori ha deciso di collaborare con le autorità, svelando importanti retroscena dei loro piani terroristici. In particolare è emerso che in realtà l’obiettivo principale dell’attacco non era la Rambla, bensì la Sagrada Familia.

A causa dell’esplosione del covo dove i quattro terroristi stavano pianificando l’attentato e preparando le bombe, l’obiettivo è cambiato, ma le rivelazioni hanno comunque messo in allerta la Spagna e gli altri stati europei.

Per quanto riguarda la notizia delle minacce alla Germania, la chiesa barocca di Dresda è stata indicata dai jihadisti come “uno dei luoghi di ritrovo più cari ai crociati, e aspetta per questo di essere ridotta in cenere”. Il capo della polizia di Dresda ha dichiarato che anche i servizi di intelligence lo avrebbero avvertito della possibilità di nuovi attacchi terroristici. Altro elemento che confermerebbe le minacce è il fatto che la rivista legata alla jihad, nella rubrica “Just terror”, fornisce indicazioni per costruire bombe incendiarie.

Tra i “luoghi ideali” per un attacco terroristico ci sono chiese, ospedali, nightclub e impianti di carburante. Il capo della Polizia della Sassonia, Horst Kretzschmar, ha svelato al “Bild” che “Si tratta per ora di un pericolo astratto, ma siamo preparati”.

Sono state innalzate le misure di sicurezza e, ad esempio, la cattedrale di Colonia è stata isolata con blocchi di cemento.

Anche gli Usa nel mirino del terrorismo: a minacciare gli Stati Uniti è un bambino di 10 anni

La notizia shock delle minacce da parte di un bambino di 10 anni riguarda invece gli Usa. Si tratta di un cittadino statunitense che spiega di essere figlio di un reduce americano dall’Iraq. Il piccolo si troverebbe a Raqqa e promette a Donald Trump che la battaglia “non finirà a Mosul e Raqqa ma nel vostro territorio”. Inoltre appare poi su Telegram una foto dove è ritratto un uomo per le strade di New York mentre mostra la bandiera nera del Daesh e minaccia: “Siamo nelle vostre terre”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche