Il Corno Rosa: l’amuleto del Giro d’Italia

Napoli

Il Corno Rosa: l’amuleto del Giro d’Italia

Tra riti scaramantici, profezie e macumbe propiziatorie arriva irresistibile la smania di bicicletta. L’Italia si tinge di rosa ed Ischia scopre nel suo mitico Fischio l’antidoto più efficace per vincere e staccare gli avversari

Ida Trofa|Una bellissima pagina di sport si appresta ad essere scritta sulla nostra amata isola d’Ischia. La prima cronometro del Giro d’Italia, la seconda fatica di questa competizione 2013, dopo decenni ritorna a far tappa sulle nostre strade ed a quanto pare si presenta come uno degli appuntamenti più ostici e tortuosi per gli addetti ai lavori e gli atleti impegnati nella competizione. Ma vada come vada per Ischia sarà un successo!

Manca poco, la tensione sale e salirà fino al disco verde della partenza, poi tutti a tifare. Nibali, Wiggins, Evans, Hesjedal, Sanchez fa lo stesso, oramai è febbre a due ruote. Perché Il Giro d’Italia non è solamente la corsa più importante. Il Giro è passione è sport, è cultura, è la vita di atleti che in poche settimane macinano chilometri riscoprendo e facendo riscoprire i luoghi più belli della nostra penisola.

È tutto un’insieme emozioni, ricordi e simboli che sono l’essenza di valori e sensazioni divenuti oramai parte integrante della memoria collettiva del nostro paese. Chi non sa che maggio tutti gli anni dagli inizi del 1900 è il mese del Giro?
Non c’è patto con il diavolo che tenga… il fischio è un’altra cosa e se davvero vuoi trionfare di fischiarlo non devi mancare!Così tra riti scaramantici, profezie e macumbe propiziatorie irresistibile è la smania di bicicletta .L’Italia si tinge di rosa ed Ischia scopre nel suo mitico Fischio in tinta,il “Corno Rosa”, l’antidoto più efficace per staccare e vincere gli avversari. A noi Giro d’Italia!Gli amuleti di Luigi Mennella battono il doping e fanno il pieno di adrenalina in vista della difficile tappa ciclistica prevista per il prossimo 5 maggio sulle impervie strade dell’Isola d’Ischia « Per sentirsi sempre in tiro e non esser preso in giro F…ISCHIA il corno color rosa e la gara è un’altra cosa »

Infatti, dopo l’incredibile successo ottenuto con corni antisfiga, corni tricolori mundial, Casamicciola ci riprova a fare da portafortuna. A trainarla ci sono gli oramai mitici Fischi d’Ischia di Luigi Mennella.

Luigi che davvero ne ha un per ogni occasione questa molta tenta la carta a sorpresa con “IL CORNO ROSA” e l’inappuntabile effetto Totò-Pulcinella e dunque come dice lo stesso Luigi « E’ doping ischitano, non c’è rischio di espulsione anche dopo la minzione! ».

Vista pertanto la posta in palio munirsi del cimelio è d’obbligo e accodarsi ai maniaci degli scongiuri altrettanto. Con il fattore CR può accadere di tutto!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche