Invasione cimici nord est Italia: come debellarle

News

Invasione cimici nord est Italia: come debellarle

La "cimice cinese"
La "cimice cinese"

Veneto e Friuli invase dalle cimici. Gli insetticidi sono inutili: il sindaco di Sedegliano chiede lo “stato di calamità” alla Regione.

In molti comuni dell’Italia nord-orientale è stata registrata una grande proliferazione di cimici. Le zone più colpite sono quelle del Friuli e del Veneto tanto che a Sedegliano, provincia di Udine, il vicesindaco Maurizio Rinaldi ha invocato lo “stato di calamità“.

Molte le segnalazioni anche nella città di Treviso dove una donna ha addirittura chiamato i vigili: casa sua era talmente infestata dagli insetti che non riusciva nemmeno ad aprire le finestre ed a uscire di casa.

La “cimice cinese”

Secondo gli studiosi questa vera e propria invasione è da imputare a due fattori. Come spiega l’entomologo Simone Martini, consulente dell’USSL 9, i fattori sono il caldo, ancora presente nonostante sia autunno, e la “globalizzazione degli insetti“.

Questo caldo fuori stagione ha infatti reso possibile le condizioni ideali per la proliferazione di questi sgraditi insetti.

Secondo il professor Martini però la causa principale è dovuta ad un nuovo tipo di cimice arrivata nella nostra penisola nientemeno che dalla Cina.

La “cimice cinese” presenta una colorazione dal marrone al grigio ed è più resistente rispetto a quella verde, tanto che gli insetticidi attualmente in commercio sono inefficaci. Essa come se non bastasse vive in veri e propri sciami, nutrendosi di alcuni tipi di ortaggi e alberi da frutto.

Secondo Martini quindi l’unica soluzione sarà il freddo: “Dobbiamo augurarci che venga freddo al più presto, che le temperature scendano sotto i dieci gradi” spiega l’esperto.

1 / 6
1 / 6
La "cimice cinese"
Sciame di cimici su una finestra
Uno sciame di cimici all'esterno di un'abitazione di Sedegliano, Udine
L'esterno di un palazzo a Mereto di Tomba, Udine
Una finestra di un'abitazione di Mereto di Tomba, Udine, ricoperta da cimici
Mereto di Tomba, proliferazione di cimici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche