Isis, in Italia 96 espulsioni da inizio 2015 COMMENTA  

Isis, in Italia 96 espulsioni da inizio 2015 COMMENTA  

angelino alfano espulsioni isis

È stato espulso ieri sera un simpatizzante Isis che abitava a Grado. Ad annunciarlo il ministro Alfano: da inizio 2015 sono 96 espulsioni.

Solo in Italia, sarebbero più di 5 al mese le espulsioni a carico di simpatizzanti dell’Isis.

Leggi anche: Il ministro Alfano inaugurò un ristorante in odore di mafia: le accuse del M5S a Palermo


Isis: 30 espulsioni nel 2016, 96 da gennaio 2015

È arrivata ieri sera la 96 esima espulsione per motivi di sicurezza dello Stato, a carico di un 30 enne di origini bengalesi arrivato in Italia dalla Turchia. A dare l’annuncio è stato il ministro degli Interni Angelino Alfano. “Ieri sera” ha spiegato il ministro, “è stata effettuata un’altra espulsione per motivi di sicurezza dello Stato: un bengalese di trent’anni che era arrivato da Istanbul, aveva abitato a Bologna e dopo si era spostato a Grado, con regolare carta di soggiorno”.

Leggi anche: Bergamo. Alfano.”Espulso algerino da italia per allarme terrorismo”


“Con quella di ieri sera” ha ricordato Alfano, “salgono a 96 le espulsioni eseguite dall’inizio del 2015. Di queste, 30 sono state effettuate nel 2016”.


Manifeste simpatie per l’organizzazione terroristica, rischi proselitismo

Il cittadino bengalese espulso, “utilizzando un identità fittizia, aveva pubblicato testi sull’Isis ed era stato segnalato in ambito di collaborazione internazionale quale utente di social network con manifeste simpatie per l’organizzazione terroristica“. Un quadro generale, ha concluso il ministro, che “ha indotto i nostri investigatori a ritenere che poteva essere impegnato nella diffusione del messaggio radicale con finalità di proselitismo, oltre che in contatto con elementi contigui a formazioni estremiste”.

Leggi anche

attentato-terroristico-istanbul
Esteri

Attentato terroristico a Istanbul: autobomba vicino allo stadio, 13 morti

Ore di terrore a Istanbul per un attentato terroristico avvenuto vicino allo stadio della squadra di calcio Besiktas. Un'esplosione devastante, visibile a chilometri di distanza, quella provocata da un'autobomba diretta contro un bus di poliziotti anti-sommossa, che ha ucciso almeno 13 persone, ferendone a decine; si tratta di un bilancio ancora provvisorio che potrebbe peggiorare nelle prossime ore. Tutto è accaduto dopo la conclusione del match della massima divisione turca tra il Besiktas e il Bursarpor. Mentre i giornalisti erano impegnati nei commenti e nelle interviste del dopo partita si è sentita una fortissima esplosione, catturata anche in diretta tv. Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*