Le nuove esecuzioni dell’Isis, prigionieri affogati in una gabbia COMMENTA  

Le nuove esecuzioni dell’Isis, prigionieri affogati in una gabbia COMMENTA  

Chiusi dentro ad una gabbia fatta affondare dentro ad uno stagno. E’ una delle nuove modalità che l’Isis sta mettendo in atto per compiere le sue atroci esecuzioni. Una tecnica che sembra uscita dagli studios cinematografici ma che è purtroppo reale e concreta. Sono sedici i prigionieri uccisi nelle ultime ore, filmati con telecamere in alta qualità, alcune delle quali immerse addirittura nell’acqua per documentare la loro atroce morte. E’ accaduto a Ninive in Iraq, con esecuzioni orribili ma mostrate come se si trattasse di un film. Nel filmato si vedono alcuni prigionieri giustiziati a colpi di bazook dopo essere stati chiusi in un’automobile. Cinque uomini vestiti con la classica tuta arancione, chiusi in una gabbia e fatti annegare nelle acque di uno stagno, mostrandoli poi senza vita pochi minuti dopo.

Leggi anche: Cina: 38 morti in una settimana per due esplosioni in miniera


E ancora si vedono prigionieri fatti saltare in aria con una collana di esplosivo al collo. Un video dell’orrore per mostrare il ‘trattamento’ riservato a chi viene catturato ammettendo di essere una spia.

Leggi anche: La telefonata di Trump con Taiwan indigna la Cina: “Esiste un’unica Cina”

Oltre al video, lo stato islamico ha diffuso online anche immagini riguardanti la distruzione di due mausolei a Palmira, sito archeologico più importante della Siria ormai distrutto.

Immagini che, come il filmato, sono poi state riprese da molti media occidentali, drammatiche nella loro cruda concretezza.

Leggi anche

SQUIRTING.
News

Squirting: cos’è e in cosa consiste

Che cos'è lo Squirting? Qual è il modo migliore per praticarlo e in cosa consiste? Scopriamo insieme tutti i segreti dello Squirting. "Squrting" è una parola inglese che identifica l'eiaculazione femminile, cioè la fuoriuscita di una grossa quantità di liquido dai condotti intorno all'uretra durante l'arrivo dell'orgasmo. Il fenomeno è ancora molto studiato e ricercato poichè gira intorno alla possibilità dell'esistenza del Punto G a cui ancora moltissimi medici non sanno dare spiegazione. Il liquido che viene espulso appare a "getto" poichè esce attraverso le contrazioni muscolari involontarie, tipiche degli organi genitali femminili. Secondo gli studi fatti sul corpo femminile Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*